Vai al contenuto

Nuovo network nel Poker: liquidità condivisa tra 888 e PartyPoker

888 Poker è la seconda room mondiale per action nel cash game, il network di PartyPoker.com è la settima realtà e il progetto è chiaro: unire la liquidità in un’unica piattaforma. Ad annunciarlo è stato Brian Mattingley, Chief Operation Officer (COO) di 888 Holdings: “nel poker beneficeremo della liquidità combinata” ha commentato, a margine della trattativa per l’acquisto di Bwin.party.

Ed è già scattata la rivoluzione: il super boss Jeffrey Hass (ex manager di PokerStars), capo della sezione poker e delle operazioni americane, ha annunciato che lascerà a fine mese. Il CEO di Bwin.party, Norbert Teufelberger,  farà il consulente per la nuova realtà mentre il CFO, Martin Weigold, entrerà nel consiglio dei direttori.

bwin-party

888 Holdings ha presentato un’offerta che è stata accettata dal board di Bwin.party ma che dovrà essere ora ratificata dagli azionisti (un passaggio tutt’altro che formale ci assicurano da Londra).

La trattativa non è ancora chiusa e GVC si è inserita di nuovo: ha troncato la partnership con PokerStars (lo smembramento degli asset di Bwin.party non era gradito dai manager austriaci) e il bookmaker inglese ha presentato una nuova offerta di 906 milioni di sterline (finanziata dalle banche), uguale a quella di 888 Holdings.

Il passaggio a 888 avrà anche implicazioni sul mercato italiano, visto che Bwin.party è proprietaria delle skin GDPoker e Bwin sul network di PartyPoker.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Brian Mattingley commenta:  “Il gruppo allargato dovrebbe essere un attore di primo piano in Belgio, Danimarca, Germania, Italia, Regno Unito e Spagna, con 56% delle sue entrate provenienti dai mercati regolamentati in Europa e negli Stati Uniti”.

Proprio negli USA, il polo 888-PartyPoker è destinato a dettare legge nei tre mercati legalizzati.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo. Editor in Chief.