Gioco legale e responsabile

casino

Dopo il King’s, il milionario Leon Tsoukernik acquista il casinò dell’ Hilton Praga Atrium, sede dell’EPT

La storia di Leon Tsoukernik, il milionario della Repubblica Ceca che controlla la catena di casinò e hotel King's. Ora ha messo le mani anche sull'Atrium.

Scritto da
22/11/2019 11:30

2.162


Leon Tsoukernik è un personaggio istrionico, conosciuto nel mondo del poker, per le sue giocate non proprio ortodosse nelle partite high stakes. Per molti, al tavolo verde, è solo un ricco gambler high roller ma lui gioca dal lontano 2002. E’ anche noto per essere il proprietario del King’s Casinò, a Rozvadov, piccolo paese della Boemia al confine con la Germania. Non a caso è considerata la sala da gioco dei tedeschi.

Il casinò dell’Hilton Praga Atrium

Leon, con il suo King’s, dopo essersi assicurato per 5 anni l’organizzazione delle WSOP Europe nella piccola cittadina di confine, ha deciso di fare un bel double up: ha messo le mani sul casinò di uno degli hotel più famosi della capitale Praga, l’ Hilton Praga Atrium, dove da diversi anni si disputa l’ European Poker Tour (tournament molto popolare, secondo forse solo all’EPT Barcellona in Europa).

Ci aveva già provato in passato con il King’s Praga ma senza successo.

Negli ultimi mesi si sono diffusi rumors sull’acquisto di azioni da parte del King’s dell’hotel della capitale Atrium. Queste voci stanno iniziando a trovare riscontri concreti: lo staff del King’s gestirà nei prossimi mesi il casinò dell’hotel a 5 stelle, operando sotto la licenza CEC Praga.

Persone di fiducia di Leon si stanno trasferendo a Praga: supervisioneranno a dicembre l’EPT, in attesa che l’operazione sia completata, considerando che l’accordo deve essere ancora formalizzato. Molto probabilmente il contratto sarà valido dall’1 gennaio.

L’arrivo di Leon a Praga potrebbe essere un’incognita sul rinnovo del contratto dell’EPT, ma sembra che il businessman ceco abbia posto una condizione per l’acquisto del casinò: la conferma dell’ European Poker Tour per i prossimi 5 anni.

Leon Tsoukernik

E’ probabile che Tsoukernik sposti le sue attenzioni proprio sul business nella capitale con la gestione del casinò. Si è dimesso da CEO del King’s passando il testimone a Michal Hanzík. Lui è rimasto come proprietario e membro del board di supervisione della sala di Rozvadov. Risulta essere amministratore delegato inoltre della catena di hotel Vestar Group. L’hotel ed il casinò in Boemia rimangono centrali nel suo business, ma è facile immaginare che nei primi anni di gestione, il milionario businessman sarà concentrato soprattutto sulla capitale, da sempre attrazione di milioni di turisti.

La storia di Leon Tsoukernik

Leon ha iniziato nel mondo degli affari nel 1993 come antiquario con due negozi a Praga ed altri due a Washington D.C. e New York City. Ha poi allargato il proprio business in Canada, a Toronto, prima di ritornare in Repubblica Ceca e creare il King’s a Rozvadov, aperto nel 2003, proprio per la sua posizione strategica per i gamblers tedeschi.

Nei primi anni 2000 è forte la sua passione per il poker, si considerava un ricco giocatore di poker ed è stata questa la molla che lo ha spinto ad aprire un casinò. Nel 2009 ha scommesso soprattutto sul poker, il King’s è diventato un casinò con un’offerta orientata proprio sul texas hold’em.

Nel 2011 ha inaugurato il King’s Casino Prague al Corinthia Hotel ma la prima esperienza nella capitale non è stata fortunata e la sala da gioco ha chiuso.

Nel 2014 ha aperto il Casino Bellevue Marienbad, con annesso hotel a 5 stelle a Mariánské Lázně.  E’ un appassionato di elicotteri, musica classica, poker e sport, sponsorizza la squadra locale di hockey su ghiaccio HC Škoda Plzeň.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento