Gioco legale e responsabile

Curiosità

Addio Jerry Buss, leggenda dei Lakers e del poker high stakes

Scritto da
18/02/2013 19:01

3.987


jerry-buss

Magic Johnson, Kareem Abdul-Jabbar, Kobe Bryant e Shaquille O’Neal hanno contribuito alla realizzazione del sogno di una vita di uomo abituato a pensare in grande: Jerry Buss, leggendario proprietario dei Los Angeles Lakers e giocatore di poker high stakes.

Buss si è spento purtroppo nella giornata di oggi all’età di 80 anni, dopo una dura lotta con il cancro. La sua leggenda ed il suo ricordo però rimarranno immortali, sia nella storia del basket che del poker. 

Si tratta di un personaggio unico: nato a  Salt Lake City, (Utah) è cresciuto a Kemmerer nel Wyoming. Sua madre gli ha insegnato a giocare a poker fin dalla tenera età. Dopo essersi laureato in chimica, ha fatto fortuna grazie ad alcuni investimenti immobiliari.

Nel 1979 acquista i Los Angeles Lakers, trasformandoli negli anni ’80 in uno dei team più glamour e seguiti dell’NBA. Sotto la sua guida, la squadra californiana ha vinto ben 10 campionati anche grazie alla collaborazione di coach di primo piano come Pat Riley e Phil Jackson.

Ha pagato la squadra 67,5 milioni di dollari al precedente proprietario Jack Kent Cooke, in un accordo che comprendeva anche i L.A. Kings (team di hockey appartenente all’NHL), il Forum Arena di Los Angeles ed un ranch. 

Sotto la sua guida i Lakers hanno fatto un deciso salto di qualità e a gennaio Forbes ha valutato il valore della franchigia ben 1 miliardo di dollari, secondo solo ai New York Knicks nel NBA. Per Magic Johnson “Buss ha messo i LA Lakers sullo stesso piano dei New York Yankees, come importanza e valore del brand nello sport mondiale”.

E’ stato anche protagonista ai tavoli da poker: per anni è stato uno dei regular dei giochi high stakes del sud della California e protagonista di alcune note trasmissioni come Poker After Dark e High Stakes Poker.

Vanta anche un terzo posto nel 1991, alle WSOP nel $ 2,500 Seven-Card Stud ed è stato runner-up in un’edizione speciale del WPT Celebrity Invitational nel 2003. Una delle ultime sue apparizioni pubbliche risale al 2011, quando alle World Series è arrivato 25esimo nel $ 2,500 Omaha / Seven-Card Stud Hi-Lo.

Numerosi oggi gli attestati di stima da parte di noti giocatori di poker che l’hanno voluto ricordare con affetto: Erik Seidel, Maria Ho, Allen Bari, Eugene Katchalov e Victor Ramdin. Riposa in pace Jerry!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento