GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Charlie Carrel fa sold out su un sito di staking: “non investite troppo su di me, mia run molto fortunata”

Le quote su Charlie Carrel sono andate sold out per i prossimi tornei: nello staking è una dei giocatori più apprezzati e cercati. Ma lui manda un chiaro avvertimento a tutti i suoi investitori: "state attenti, la mia è stata una run favorevole". E dà un consiglio...

Scritto da
11/01/2017 16:03

1.851


Per chi ha l’opportunità di frequentare il circuito EPT/PokerStars Championship, non può non provare simpatia per Charlie Carrel: anche di recente il talentuoso pro inglese ha dimostrato le sue qualità umane. Certo, chi se lo ritrova di fronte ai tavoli, non farà questo tipo di considerazioni, essendo il giovane player inglese uno dei pro più temibili e vincenti al mondo.

Charlie "Epiphany77" Carrel

Charlie “Epiphany77” Carrel (photo courtesy of Neil Stoddard – Rational Group)

Le virtù dei forti

Lato personale però Carrel riesce sempre a farsi apprezzare, anche con un atteggiamento positivo: sorridente, solare, ma al tempo stesso riservato, nonostante il suo look stravagante possa trarre in inganno. Ha un talento infinito e a soli 22 anni, pur guadagnando cifre pazzesche sia online che live, ha sempre mantenuto un equilibrio e una maturità invidiabile.

La calma e l’umiltà sono sempre la virtù dei forti. I players skillati d’altronde ostentano sempre un formidabile equilibrio, quasi del tutto naturale. Da ottobre ad oggi ha guadagnato nei tornei live qualcosa come 2,5 milioni di dollari (vincite lorde). L’ultimo exploit è il secondo posto nel 100.000$ Super High Roller delle Bahamas.

Staking boom!

Ma Charlie in queste ore si è fatto apprezzare per un altro aspetto. Dopo la sua ultima performance sul sito di staking StakeKings, in un lampo sono andate esaurite le sue quote per i prossimi tornei, in un lampo.

Se dovesse esistere una borsa internazionale dello staking, senza dubbio Carrel sarebbe uno dei top players più cari e valutati al mondo.

Contro i suoi interessi però il pro inglese ha pubblicato un post su Facebook nel quale invita alla prudenza i suoi investitori cercando di far capire che gran parte dei suoi risultati sono dovuti ad una run favorevole.

La run fortunata e l’avvertimento

“Il vostro martellamento su Stakekings è senza dubbio un bene per la mia carriera. Ma è giusto darvi qualche avvertimento (soprattutto per coloro che non sono esperti di poker) dopo che le mie quote sono andate velocemente in sold out a seguito del secondo posto nell’High Roller. La mia run è stata ridicola in questi ultimi mesi, sono stato estremamente fortunato e questo non continuerà per sempre. Vi prego di non investire su di me una quota rilevante del vostro patrimonio su uno o pochi tornei.

Anche se sono probabili investimenti redditizi, dovete sapere come funzionano i tornei di poker: il più delle volte si perde denaro e quando si vince, in genere si incassano cifre importanti. Quindi se volete scommettere, piazzate puntate più piccole su più tornei. In questo modo ci saranno più opportunità nel tornei futuri“.

Il valore dei soldi

Senza dubbio, a soli 22 anni, Carrel dimostra di avere la testa (e che testa…) sulle spalle ed un senso di responsabilità fuori dal comune.

In meno di tre anni ha vinto più di 5 milioni di dollari solo nei tornei live, facendo la fortuna di molti suoi finanziatori. In una precedente intervista, Charlie aveva sottolineato un aspetto non secondario: “sono cresciuto in una famiglia che non aveva molto denaro, per questo mi hanno insegnato presto il valore dei soldi”. E bravo Charlie!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento