Vai al contenuto

Dani Stern dice basta: “addio mondo del poker, mi attendono nuove sfide”

Se si parla spesso di online generation, in relazione al poker, lo si deve in buona parte a ragazzi come Dani Stern. Perciò è normale che cali un velo di tristezza, oggi, sentendo che ha annunciato il suo addio al poker online.

Addio via tweet

Un laconico tweet, pubblicato nello scorso fine settimana, per salutare amici, colleghi e fans

Dani, l’online kid per antonomasia

Tra i primissimi ragazzini a infatuarsi del Texas Hold’em dopo aver assistito al trionfo di Chris Moneymaker, Dani Stern aveva impiegato poco tempo a diventare un fenomeno. Già a 21 anni grindava cash game high stakes, a 23 era protagonista del primo e unico reality show dedicato ai professionisti del poker. Oggi, a quasi 31 anni, ha detto basta.

La “tranvata” da BERRI SWEET

Cosa avrà indotto Dani Stern a fermarsi? Impossibile non pensare a BERRI SWEET, regular di Pot Limit Omaha che lo ha letteralmente devastato nell’ultimo anno e mezzo. Contro di lui, “supernova9” (questo il nick di Stern su PokerStars.com) ha perso quasi 1 milione e mezzo di dollari.

E chiusa la sfida con BERRI SWEET, non è che il 2017 stesse andando molto meglio, per lui. Ecco il grafico di Highstakesdb

Dall’epoca d’oro del grinding al reality show

Si chiude dunque un’era, che chi il poker lo segue da tempo non può non rimpiangere. Avevamo seguito con passione “2 Month, 2 Million”, innovativo reality incentrato sulle figure di 4 grinder professionisti, che dovevano vincere appunto 2 milioni di dollari in 2 mesi di grinding online. Jay Rosenkranz, Emil Patel, Brian Roberts e Dani Stern arrivarono però a stento a 670mila, cifra non da buttar via ma un fallimento viste le alte aspettative. Dani, che al tempo giocava su Full Tilt Poker con il suo storico nick “Ansky451“, contribuì per oltre 100mila dollari.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Bonus immediato di 30€ su Lottomatica per Poker, Scommesse e Casinò. Registrati da questo link e inserisci il codice SUPER30! E’ un’esclusiva Assopoker!

multiprodotto_300x250_ita

Torneista da 3,7 milioni live

Dani Stern è stato un notevole giocatore anche nel live, con uno score che flirta con i 3,7 milioni di dollari in vincite lorde. Le sue perle sono state un paio di high roller dell’Aria e un quarto posto all’evento inaugurale WSOP del 2009, che aveva un costo di 40.000$ e gli portò in tasca oltre mezzo milione.

Dani Stern, fenomeno umile

Fenomeno ai tavoli ma anche con una grande consapevolezza dei propri limiti, come dimostra questo addio ma non solo. Negli anni seguenti al black friday, quando il cash game iniziava a diventare sempre più duro, Dani Stern capì di non essere competitivo, scendendo a stake più bassi e continuando a studiare per migliorarsi. Così, circa 3 anni fa decise che era giunto il momento per tornare agli high stakes. Un ritorno inizialmente ottimo, che però nell’ultimo periodo ha vissuto – come raccontato prima – momenti drammatici.

Ci mancherai, Ansky.

"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".