Gioco legale e responsabile

Curiosità

Jonathan Little: “Chi va spesso a premio nei tornei in realtà è un perdente”

Jonathan Little ha scatenato una discussione attraverso un tweet nel quale afferma che i più grossi perdenti sono quei giocatori che vanno spesso ITM. “Smettetela di preoccuparvi di quanto spesso andate a premio nei tornei”, ha dichiarato il pro, coach e autore.

Scritto da
25/03/2019 14:15

2.744


Se riuscite ad arrivare spesso in zona premio nei tornei di poker, non ditelo a Jonathan Little o potrebbe darvi una grossa delusione. Il noto professional poker player americano, nonché autore e tra i più stimati coach in circolazione, ritiene infatti che quei giocatori che con molta frequenza vanno in the money in realtà sono perdenti nel lungo periodo.

Ma da dove arriva il suo ragionamento?

Scopriamolo subito insieme.

 

Jonathan Little

 

Andare a premio… fa male?

Partiamo innanzitutto dal tweet di Jonathan Little:

La traduzione è abbastanza semplice: “Smettetela di preoccuparvi di quanto spesso andate a premio nei tornei. È risaputo che chi va tante volte a premio è tra i giocatori più perdenti che ci siano!”.

Secondo Little, come spiega poi in una serie di risposte al suo tweet originale, chi va di frequente in the money tende a ottenere soltanto dei mini-piazzamenti. Questi giocatori sono troppo conservativi, uno stile che impedisce loro di puntare ai bersagli grossi.

Per contro, giocatori aggressivi che non mirano semplicemente alla zona premio forse non ci entreranno così spesso come i grinder passivi, ma nel lungo periodo vinceranno di più perché di tanto in tanto faranno il colpaccio.

La teoria di Jonathan Little

Sebbene non abbia fornito dati a supporto della sua tesi (anche se ha affermato di averne), Little ha aggiunto: “Se ottieni tanti mini-cash, significa che raramente vincerai. Se raramente vincerai, avrai difficoltà ad avere successo nel lungo periodo. Facendo un semplice calcolo, immaginate di fare mini-cash il 30% delle volte, ma di non vincere quasi mai”.

Se lo dice Jonathan Little, giocatore da $6,8 milioni vinti in carriera nei tornei live (senza contare l’online), probabilmente c’è da fidarsi. Difficile fare calcoli noi stessi, visto che l’unico metro di giudizio è Hendon Mob, i cui profili però mostrano soltanto le vincite, non i buy-in e le perdite.

Nel suo ragionamento, Little non ha fatto nomi, ma tra le risposte ai suoi tweet è stato menzionato Allen Kessler, giocatore che va spesso a premio ma che raramente vediamo nelle fasi finali dei tornei, specialmente quelli grossi.

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Il caso Cousineau

Anche Tony Cousineau, guarda caso allievo di Kessler, è un tipo di giocatore che rientra nella casistica di Little.

I colleghi di Cardschat.com hanno preso in esame gli 84 piazzamenti a premio di Cousineau alle World Series of Poker. Un numero apparentemente pazzesco, ma che se analizzato in profondità ci restituisce una visione un po’ più chiara.

In totale, Cousineau ha vinto $876.608 alle WSOP, cioè circa $10.435 per ogni volta che è andato a premio. Pur non conoscendo l’esatto numero di eventi da lui giocati, né i buy-in spesi, supponendo che sia andato a premio il 40% delle volte (una cifra piuttosto alta), e sapendo che di solito partecipa a tornei da $1.500 fino a $5.000 di buy-in, in 20 anni avrebbe speso circa $840.000.

Se sottraiamo questa cifra al totale vinto in carriera alle WSOP, troviamo la miseria di $36.608 di profit in 20 anni di WSOP.

C’è chi dice no

Tra i commenti al tweet di cui sopra, va detto, ce ne sono tanti che mettono in dubbio la teoria di Jonathan Little.

In particolare, un avvelenato Dara O’Kearney ha accusato il pro americano di averlo addirittura bloccato per impedirgli di commentare “quando sputa queste robe senza senso”.

Registrati su PokerStars.it e BetStars.it e ricevi un bonus di €40 con il tuo primo deposito, inserendo il codice QUARANTA!

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento