Gioco legale e responsabile

Curiosità

Scott Blumstein: “Il mio obiettivo è sempre stato di non lavorare. I soldi vinti? Ho commesso errori”

Il campione del Main Event WSOP 2017 Scott Blumstein ha parlato degli errori commessi in passato a causa della cattiva gestione delle sue finanze

Scritto da
18/03/2018 07:00

2.875


Lo scorso novembre, Scott Blumstein si è laureato campione del mondo di poker vincendo il Main Event WSOP. Grazie a quel successo ha incassato la mirabolante ricompensa di 8.15 milioni di dollari, una cifra che ha ovviamente cambiato la sua vita. Perché Scott non era un regular dei tornei high roller, né un professionista di spicco: era un grinder dei tornei low stakes che aveva provato a vendere quote del suo buy-in nel Main Event senza ricevere alcun interesse.

L’unico risultato degno di nota prima del successo alle WSOP era stata la vittoria del Borgata Open, uno dei tornei più ricchi e prestigiosi della East Coast americana. Ad Atlantic City, Blumstein aveva conquistato il titolo nel 2016 incassando $200.000. Una cifra importante, che l’allora 23enne gestì molto male, come ha ammesso lui stesso in una chiacchierata con lo youtuber Brad Owen.

Scott Blumstein

Scott Blumstein: “Dopo la vittoria al Borgata ho commesso molti errori”

Scott ha spiegato che fin da adolescente era alla ricerca di uno stile di vita alternativo, che gli permettesse di non dover lavorare in modo tradizionale. Dopo aver scoperto il poker, comprese che quella era la sua strada.

“Prima di vincere il Borgata Open per $200.000 ero un ragazzino che da tre anni riusciva a guadagnarsi da vivere con il poker”, ha detto. “Il mio obiettivo è sempre stato quello di non dover lavorare, e fino a quel momento ci riuscivo perché mi pagavo l’affitto e mi mantenevo interamente con il poker”.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

La vittoria al Borgata gli fece perdere la testa, al punto che quasi tutta la vincita ottenuta fu sperperata.

“Poi finalmente vinco un major e mi ritrovo con un po’ di soldi da parte. Devo dire che dopo è stata dura… è dura, le persone sottostimano la difficoltà di prendere decisioni corrette nella gestione del denaro. Onestamente devo ammettere che con il Main Event ho avuto una seconda opportunità perché tra la vittoria del Borgata Open e la vittoria alle WSOP non ho preso buone decisioni. Sono un essere umano, ho commesso degli errori“.

Il consiglio agli aspiranti pro

Sperperare milioni di dollari è più difficile rispetto ai $200.000 vinti al Borgata, ma oggi Scott è attentissimo a non ripetere gli errori del passato. Anche per questo motivo dice continuamente di non voler giocare ai tavoli high stakes o negli high roller: dopo aver perso i soldi vinti al Borgata ha imparato una lezione importante.

“Se sei intelligente nella gestione dei soldi e sai come andare nella giusta direzione, hai capito tutto della vita“, ha detto. “Il mio consiglio a chi vuole diventare pro è di essere prudente. Gioca i tornei, perché è importante, ma vendi sempre action. Trova persone di cui ti fidi e che credono in te, e condividi con loro le spese dei buy-in. Diventare pro è un viaggio, è un processo, non arriva tutto subito. È come nello sport, non diventi un giocatore dell’NBA in una notte”.

Grinda, studia e lavora duramente sul tuo mental game, ma se vedi che il poker non fa per te, magari perché non riesci ad accettare i momenti di badrun, cerca un altro settore dove trovare il tuo successo”.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento