GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Vegas Dave rischia il carcere: ha piazzato scommesse per 3.5 milioni utilizzando false identità

Per aggirare il ban ricevuto da quasi tutti i casinò di Las Vegas, Vegas Dave avrebbe utilizzato documenti non suoi per piazzare le scommesse. Si tratta di un reato molto grave, che potrebbe costargli una somma milionaria oppure il carcere

Scritto da
15/04/2017 09:12

1.046


Nella sua carriera di scommettitore professionista, Vegas Dave si è ritrovato più volte a sudare freddo per il risultato di una partita. Il gambler di Las Vegas è infatti noto per le sue scommesse antepost a quote elevate e con vincite potenziali milionarie, ma questa volta non è l’esisto di una puntata a tenerlo con il fiato sospeso.

Supera il test che misura le tue capacità al tavolo di poker. Ottieni subito BANKROLL e COACHING

betsense

 

Dave è stato incriminato da un tribunale di Las Vegas per aver utilizzato documenti falsi oppure appartenenti ad altre persone per piazzare le sue scommesse. Si tratta di un reato che negli Stati Uniti è punito molto severamente e potrebbe costargli fino a dieci anni di carcere.

Secondo la legislazione del Nevada, per puntate superiori ai $10.000 è obbligatorio mostrare il proprio Social Security Number (l’equivalente del nostro codice fiscale) e Dave avrebbe dato informazioni false in questo senso per poter piazzare le sue scommesse high stakes. La vicenda è diventata di dominio pubblico mercoledì, quando la giuria federale di Las Vegas lo ha accusato ufficialmente di aver commesso il reato in almeno nove occasioni presso il Wynn Casino e il Westgate, movimentando complessivamente 3.5 milioni di dollari.

vegas-dave-girls

Dave Oancea (questo il suo nome di battesimo) dovrà difendersi in tribunale, ma il giudice ha già formalizzato una multa di $881.600. Un colpo durissimo per le finanze dello scommettitore, che negli ultimi anni è riuscito a costruirsi un grande seguito (composto in buona parte da hater) grazie alle imprese nel betting sbandierate ai quattro venti. Nonostante la situazione molto tesa, il giocatore di origini hawaiane si è dimostrato tranquillo sui suoi social network:

Alla fine la verità verrà a galla. Non vedo l’ora che sia la prossima settimana per far conoscere al mondo ciò che ho da dire”.

La motivazione della sua condotta è da attribuire ai tanti ban che ha subito nel corso degli anni. In quanto scommettitore largamente vincente, Dave è stato bandito da quasi tutti i casinò e i bookmaker di Las Vegas. Con ogni probabilità l’utilizzo di documenti che non gli appartenevano era un tentativo di aggirare il divieto di giocare: presentava Social Security Number che non erano nella black list per poter continuare a effettuare puntare da centinaia di migliaia di dollari.

vegas-dave

Comportarsi in questo modo è stato il più grande azzardo della sua vita. A meno di riuscire a dimostrare in tribunale di non aver commesso il reato (circostanza altamente improbabile), davanti a sé ha solo due possibilità: pagare la multa di $881.600 (ma la cifra potrebbe diventare molto più grande in caso di richiesta di risarcimento da parte dei casinò) oppure finire in carcere per non meno di un paio di anni.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento