Gioco legale e responsabile

Gossip

Caso Weinstein, è guerra tra poker pro: Vanessa Selbst scatenata contro Mike Matusow

Scritto da
13/10/2017 19:10

4.283


Harvey Weinstein tra Ben Affleck e Matt Damon

Lo scandalo che ha colpito il produttore hollywoodiano Harvey Weinstein, accusato da più parti di molestie sessuali che sarebbero avvenute nell’arco di molti anni, ha le sue ricadute anche nel mondo del poker.

Il primo aspetto è legato a “Rounders“, cult-movie per eccellenza dei pokeristi e che vedeva proprio Weinstein come produttore esecutivo. I fatti degli ultimi giorni allontaneranno presumibilmente il produttore da qualsiasi attività lavorativa per un bel po’ di tempo, quindi è da considerarsi ancora meno probabile il già incerto sequel, di cui si parla da anni ma che è stato più volte rinviato.

Tra l’altro, nello scandalo sessuale di Harvey Weinstein è entrato in qualche modo anche Matt Damon, che di quel film era protagonista. Nei giorni scorsi era venuto fuori un retroscena del 2004, secondo il quale Damon avrebbe telefonato alla reporter del New York Times Sharon Waxman, per pregarla di non pubblicare un articolo che denunciava – 13 anni fa – alcuni abusi sessuali commessi da Weinstein. In seguito è arrivata una doppia smentita, sia da parte di Damon che della stessa cronista del NYT, quindi lo “scandalo nello scandalo” è rientrato.

Rimane comunque un rapporto molto stretto, quello che legava Weinstein a Damon ma anche a Ben Affleck (come si apprezza dalla foto in alto). Come è noto Affleck è grande amico di Damon nonchè protagonista di “Runner Runner”, altro film poker-related che però non ha mai minimamente avvicinato, la popolarità della pellicola diretta nel 1998 da John Dahl.

Rounders e ipotetico sequel a parte, la vicenda di Harvey Weinstein tocca il mondo del poker anche nei suoi aspetti più “basic”: le reazioni sui social network.

Mike Matusow ha dato il via alle danze, denunciando quello che secondo lui era una sorta di segreto di Pulcinella

La replica di chi la pensa diversamente non si è fatta attendere, e Vanessa Selbst non ci è andata certo per il sottile

Per chi non masticasse l’inglese, Matusow si dice sorpreso – più che dallo scandalo in sè – da fatto che “tutti negli USA sapessero bene che bisogna concedersi sessualmente, se si vuole lavorare a Hollywood”, ma ora facciano finta di sorprendersi.

Vanessa Selbst. Una che la tocca piano.

“Sei un essere disgustoso, delirante e totalmente meschino. Ogni tuo tweet riesce ad essere peggiore del precedente”, è la risposta della Selbst.

Vanessa l’ha toccata piano. E voi, da che parte state?

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento