Vai al contenuto

Doyle Brunson conferma l’atroce sospetto: si stava meglio quando si stava peggio?

Stamani leggevo la notizia di Doyle Brunson e della sua “deception”, ovvero la bugia (a fin di bene) portata avanti con famiglia e amici per nascondere il fatto di guadagnarsi da vivere giocando a poker.

Pensavo che il buon Texas Dolly non poteva che diventare una leggenda, essendo riuscito già da giovane a trovare una linea di bluff buona per una percentuale così alta di persone.

Doyle Brunson in stampelle, quando era una giovane ex promessa del basket

Noi pokeristi italiani del 2018, più fortunati di Doyle

Pensavo anche a quanto doveva essere difficile allora, la vita, per chi aveva scoperto come fare del poker una professione. Un coacervo di pregiudizi, radicati nel profondo sud dell’America del secondo dopoguerra, rendeva il contribuire ad assemblare un’arma di distruzione di massa come un’occupazione più rispettabile rispetto a quella di sedere a un tavolo e vincere soldi alla gente. Per fortuna quegli anni così duri e gretti sono lontani, per fortuna non siamo più nel 1956 ma nel 2018 e le cose sono molto cambiate.

Meno male, dai. T’immagini come sarebbe brutto vivere ancora in un mondo in cui sfruttare la propria abilità nel calcolo e nella lettura degli avversari fosse qualcosa di cui vergognarsi?

Sì ok, mi avete scoperto: è un photoshop. Ma da cosa lo capite?

Terribile che sarebbe, se oggi un pokerista dovesse sentirsi dire che non fa nulla per la società, quella stessa società la cui economia reale è surclassata da quella finanziaria, più grande di almeno 13 volte e che prolifera soffocandola.

Tremendo che sarebbe, se oggi un pokerista dovesse sentirsi dire dallo Stato che è un ingannatore e rovina-famiglie, quello stesso Stato che protegge chi offre al popolo il gioco delle tre carte.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Spaventoso che sarebbe, se oggi un pokerista dovesse sentirsi come un essere pericoloso per l’incolumità altrui, mentre lo Stato annuncia di voler promuovere un uso massiccio delle armi.

Per fortuna il 1956 è lontano e il mondo ha fatto passi da gigante, nel frattempo. E noi siamo stati più fortunati di Doyle. Possiamo dirlo con dignità.

COMPARAZIONE GIOCHI
"Assopoker l'ho visto nascere, anzi in qualche modo ne sono stato l'ostetrico. Dopo tanti anni sono ancora qui, a scrivere di giochi di carte e di qualsiasi cosa abbia a che fare con una palla rotolante".