Gioco legale e responsabile

Live

Incubo Marinelli al MPF: il terrificante cooler di fine day 3 che lo farà ripartire al tavolo finale con 6BB

Ci sono mani che spostano nel gioco del poker. E una di queste ha spostato in maniera netta il torneo di Dario Marinelli ad un passo dal tavolo finale del "€550 Grand Event Malta Poker Festival". Un cooler pesantissimo che ha ridotto lo stack dell'azzurro da montagne di chips a spiccioli per la merenda. Oggi al final table servirà un miracolo con appena 6 big blind.

Scritto da
04/11/2019 14:00

1.159


Dal sogno all’incubo per Marinelli

Il “Grand Event” al Malta Poker Festival non è solo l’evento clou della kermesse, ma anche il torneo più gettonato dai giocatori italiani. Basti pensare che alla ripresa del day 3 su 21 players in corsa ben otto erano azzurri. La terza giornata segnerà in maniera netta il borsino azzurro sulla strada che conduce al tavolo finale. Un final table dove ritroveremo solo due italiani: Pasquale Gregorio e Dario Marinelli.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Se il primo ha dalla sua il quinto degli otto stack in gioco con 2.615.000, Dario si è trovato dal paradiso all’inferno nell’ultima mano di giornata. Con oltre 5 milioni  di pezzi è crollato ad appena 590.000 unità. Che tradotti in big blind alla ripresa dei giochi, fanno poco meno di 6BB. Per la precisione 5.9, essendo da completare il livello 50.000-100.000 Button Ante 100.000. Dunque dovrà cercare il raddoppio fin dalla prima mano dell’official final table per tornare in gara.

Maledetto cooler

Ma come ha fatto Dario Marinelli a perdere così tanto in una sola mano e soprattutto nell’ultimo spot del day 3, ad un passo dal tavolo finale? Per colpa di un tremendo e letale cooler. A 9 left il “€550 Grand Event” cerca l’ultima eliminazione della giornata e serve il nome del nono classificato per mandare gli altri 8 al tavolo finale di oggi pomeriggio.

Dario Marinelli

Dario Marinelli come detto viaggia con oltre 5 milioni di pezzi e appare bello comodo verso l’accesso all’ultimo giorno di gara. Ma non è così. Mark Vella, short stack del tavolo, da under the gun decide di giocarsi la permanenza  e pusha 1.500.000 nel livello 50.000-100.000 button ante 100.000. Da Cutoff Dario chiede il conteggio delle chips e poi ottenuto l’importo repusha a sua volta.

Sembra un’azione standard, di quelle che se ne vedono in continuazione nel poker. Invece, ecco la mossa che non ti aspetti e dallo small blind Leendert Marcus muove allin a sua volta per 4 milioni di chips. L’olandese è un giocatore attempato e quando un “vecchietto” pusha per terzo, solitamente iniziano a suonare le campane a morto. Si va allo showdown e per Dario l’orizzonte diventa nero:

Vella: q q

Marinelli: k k

Marcus: a a

Il board 9 9 3 j 7 non ammette appelli. Vella è il bubble man del tavolo finale, l’olandese vola in maniera clamorosa oltre i 9 milioni e Dario Marinelli si ritrova con appena 590.000 unità. Al final table serviranno una serie di miracoli, per riparare ad un dolorosissimo cooler.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento