Gioco legale e responsabile

Live

GCC: Rotundo fuori dai premi, Kabrhel da chipleader a uomo bolla

Global Casino Championship, finisce fuori dai premi l'avventura di Christian Rotundo. Rocambolesco Martin Kabrhel, da chipleader a uomo bolla. Loni Harwood sogna il bis.

Scritto da
09/08/2018 16:55

1.880


Il sogno di Christian Rotundo è durato poco più di 3 livelli. All’inizio del quarto livello del day 2, al Global Casino Championship di Cherokee, in North Carolina, il giocatore italiano ha dovuto dire addio al progetto di tornare a Varazze con un premio, o addirittura con un braccialetto WSOP al polso.

Christian Rotundo (foto Campione Poker Team)

Rotundo, bye bye Cherokee

Rotundo ha dovuto abbandonare il torneo quando mancavano una dozzina di eliminazioni alla bolla. I premi erano previsti per i primi 20 giocatori e, quando si era 33 left, Christian ha provato il raddoppio. L’italiano è andato direttamente allin da cutoff per circa 12 big blinds con 44, trovando però TK Miles pronto al call con 88. Nessun aiuto dal board e Christian Rotundo saluta la compagnia.Peraltro il colpo non è granché servito a Miles, out a sua volta due posizioni più avanti al nostro.

Martin Kabrhel (foto WSOP)

Kabrhel from hero to zero, ma che sfortuna!

Ieri si diceva di Martin Kabrhel, estroso ceco che aveva chiuso la giornata da chipleader, e di come in carriera abbia a volte compromesso per eccesso di aggressività quanto era stato capace di costruire. Bene, è stato proprio Martin il giocatore eliminato in bolla, ma stavolta è stata sfortuna nera, per lui. Finito ai resti preflop con KK vs i QQ di Arkadiy Tsinis dopo battaglia di rilanci, deve clamorosamente arrendersi dopo il board 10 9 8 4 j . Incastrone al river per Tsinis, che incassa piatto da 140bb e vola buttando fuori Kabrhel.

Tsinis sarà protagonista anche della mano che fa scoppiare la bolla del tavolo finale, ancora una volta partendo da dietro. Stavolta è AJ vs JJ del povero Whittington, che deve abbandonare il torneo dopo che un asso sul flop ha mandato all’aria i suoi sogni di raddoppio.

Armin Stocker (foto Campionepokerteam)

Stocker, un pezzo di Campione al tavolo finale

Ecco allora il tavolo finale:

Seat 1: Keven Stammen – 1,393,000 chips (87 big blinds)
Seat 2: Jeremy Meacham – 1,460,000 chips (91 big blinds)
Seat 3: Loni Harwood – 1,427,000 chips (89 big blinds)
Seat 4: Warren Sheaves – 494,000 chips (30 big blinds)
Seat 5: Armin Stocker – 409,000 chips (25 big blinds)
Seat 6: Arkadiy Tsinis – 1,220,000 (76 big blinds)

Chipleader Jeremy Meacham, Keven Stammen e Loni Harwood sono i nomi più famosi, con la Harwood capace di vincere questo stesso torneo già nel 2015.

C’è anche un piccolissimo pezzo d’Italia. Si tratta di Armin Stocker, regular svizzero che aveva conquistato l’accesso al torneo vincendo l’event #1 del WSOP Circuit Italy della scorsa primavera, a Campione d’Italia.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento