Gioco legale e responsabile

Live

A Las Vegas torna il grande poker live: Hellmuth e Negreanu in campo

Las Vegas a tutto gas. Il poker live torna a dominare la scena a Sin City e in attesa delle WSOP 2021 spostate in autunno, il grande poker dal vivo scalda i motori con lo US Poker Open: da oggi al 15 giugno 12 eventi in versione high roller che richiameranno i più forti giocatori al mondo. 

Scritto da
03/06/2021 14:00

605


Las Vegas e una grande sete di poker

Il Poker Live vuol tornare a prendersi la scena a Las Vegas. In realtà lo sta già facendo da mesi: prima con il cash game, poi con gli eventi griffati WPT, gli High Rollers dell’Aria, le series del Wynn e del Venetian. Adesso spetta allo US Poker Open rubare la scena. In un periodo che tradizionalmente sarebbe in mano alle WSOP, con le stesse World Series che a causa della pandemia hanno traslocato per sicurezza in autunno. Dunque spetta ai grandi campioni scendere in campo a Sin City.

Ed esattamente tre giorni dopo la fine di quasi tutte le restrizioni nella capitale mondiale del gioco. Mascherina all’interno obbligatoria solo per chi non ha ancora completato la vaccinazione: per coloro che sono “green pass” la mascherina diventa un ricordo anche al chiuso. Via riduzioni di capienza e dunque si torna al 100% delle presenze nei casinò di Las Vegas. Tolti i plexiglas dai tavoli da gioco e da quelli del poker. Se fino al 31 maggio ogni posto era delimitato da queste barriere protettive, dallo scorso 1 giugno è decaduto anche questo obbligo. Infine, l’addio al Travel Ban riapre idealmente le frontiere con il resto del mondo e dunque anche i giocatori di poker del Vecchio Continente possono raggiungere la città.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

I Big in campo

Non sappiamo realmente quale sarà la risposta dei giocatori allo US Poker Open di Las Vegas, considerando anche il buyin che non scende mai sotto i 10 mila dollari in questa kermesse. Ma la serie di high rollers previsti fino al 15 giugno, oltre ad essere garanzia di spettacolo, assicurano in prima fila la presenza di grandi campioni. Da Phil Hellmuth che solitamente in questo periodo dell’anno era solito fare incetta di braccialetti WSOP, al mai domo Daniel Negreanu che scalpita per tornare a giocare con continuità dal vivo.

2019 US Poker Open

Non mancherà nemmeno un altro monumento come Erik Seidel e poi ci saranno le nuove leve. Quest’ultime, nell’eterna battaglia vs Old School. Proveranno a prendersi il proscenio, come già era successo due anni fa con David Peters. L’americano, nonostante i suoi 34 anni, ha già vinto oltre 30 milioni di dollari dal vivo e nell’edizione 2019 si è assicurato il Golden Eagle Trophy, ovvero il trofeo destinato a colui che ottiene i migliori risultati nel corso della manifestazione. Insieme a lui, altri giovani terribili come Jason Koon e Bryn Kenney. Ma la lista si fa lunga.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

12 High Roller

A Las Vegas è tutto pronto per l’edizione 2021 dello US Poker Open. Da questa sera (ora italiana) e fino al 15 giugno, non ci sarà un attimo di sosta negli studi di PokerGo presso il Casinò Aria. 12 tornei high roller, di cui 10 dal buyin di 10.000$, un al costo di 25 mila bigliettoni e infine, il main event che chiuderà la Kermesse con 50.000 dollari di buyin. Tutti gli eventi sono spalmati su due giornate: il day 1, salvo casi eccezionali, si chiuderà alla formazione del final table, mentre il giorno seguente sarà volata al titolo.

Questa sera lo start dello US Poker Open e l’evento#1 ci consegna subito il “$10.000 NLH” il cui final table è previsto appunto il 4 giugno. Non mancheranno le varianti, come nell’evento#2, il “$10.000 Pot Limit Omaha“. Nell’evento#4, spazio al “$10.000 Big Bet Mix“, mentre nell’evento#6 è tempo di “$10.000 8 Game“. Ancora un torneo dedicato al PLO, con il “$10.000 Pot Limit Omaha” (evento#8) e l’evento#10, ci porta nel mondo dello Short Deck al costo di 10 mila bigliettoni.

Gli ultimi due tornei sono una sorta di Super High Roller. Il penultimo, vale a dire l’evento#11, è dedicato al No Limit Hold’em e servono 25 mila dollari per sedersi, con start il 13 giugno e conclusione 24 ore dopo. Il 14 giugno, spazio a quello che possiamo anche considerare come il main event dello US Poker Open di Las Vegas. Stiamo parlando dell’evento#12, il “$50.000 NLH“. Insomma lo spettacolo è garantito.