GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Live

Il miglior fold nella storia del WPT? Ian Steinman passa un set di Re contro McKeehen

Scritto da
07/03/2018 10:08

2.127


I final table del World Poker Tour sono da sempre tra i più spettacolari, specialmente per l’atmosfera di prestigio e tensione che si respira in questo contesto dove in passato sono stati distribuiti premi milionari. Molti dei più noti poker player al mondo hanno mostrato giocate pazzesche ai tavoli finali del WPT, da Phil Ivey a Gus Hansen, passando persino per Doyle Brunson, ma all’ultimo WPT Rolling Thunder Main Event è stato un giocatore sconosciuto al grande pubblico a compiere una mossa sensazionale.

Parliamo di Ian Steinman, professionista americano che pochi giorni fa ha giocato in maniera eccellente uno dei final table più importanti della sua vita. In particolar modo, ha messo a segno un hero fold che è già entrato nella storia del WPT, non solo per il valore di questa scelta ma anche perché il suo avversario in quella mano era il fortissimo Joe McKeehen.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Ian Steinman vs Joe McKeehen al WPT Rolling Thunder

Come detto, siamo al final table del WPT Rolling Thunder, torneo da $3.500 con un field iniziale di 440 giocatori. La mano inizia a 5 left, quando, dopo il fold generale, Steinman decide di rilanciare dallo small blind a 160.000 chips sui blinds 30.000-60.000. Sul big blind c’è il campione del mondo 2016 Joe McKeehen, il quale decide di chiamare con q 10.

Va evidenziata una circostanza: in quel momento, Steinman era il chipleader con oltre 90 big blind, e McKeehen il più diretto inseguitore con circa 60 big blind. Gli altri giocatori al tavolo avevano stack tra i 30 e i 10 big blind.

Il flop è a 7 5 e ci sono 370.000 gettoni in mezzo. Steinman decide di andare in c-bet per 150.000 con i suoi Re (che a questo punto sarebbero dietro a un eventuale Asso). McKeehen ha soltanto Q-high ma decide di chiamare in floating. Sul turn viene girato un j che fa salire le possibilità dell’ex campione del Main Event WSOP dal 2% al 5%. In caso di un Re al river, infatti, chiuderebbe una scala a incastro.

Questa volta Steinman decide di fare check, mentre McKeehen punta 370.000 sul piatto di 670.000. Steinman decide di chiamare e si giunge quindi al river con 1.4 milioni in mezzo.

L’hero fold di Steinman

L’ultima carta è proprio un clamoroso k che consegna la scala a McKeehen e il set a Steinman. Quest’ultimo prende l’iniziativa e punta 800.000. McKeehen ha il nuts e dopo aver controllato le sue carte e aver fatto un po’ di recitazione, dichiara l’all-in per un totale di 2.940.000.

Steinman deve chiamare circa 3 milioni per vincere un pot di 5.15 milioni. Anche perdendo resterebbe con circa 1.5 milioni di chips e sarebbe comunque terzo nel chipcount. Nonostante la forza del suo punto e il big stack, l’americano riesce a trovare un incredibile fold.

Non è stato un laydown immediato, ovviamente, perché ci ha messo più di tre minuti e ha sostanzialmente esaurito tutto il timebank (nel WPT c’è lo shot clock). Alla fine, però, ha trovato un fold che è stato definito il più incredibile nella storia dei final table del World Poker Tour. Un fold che ha contribuito alla seconda posizione che avrebbe poi ottenuto, incassando $202.000 (McKeehen ha chiuso 3°).

Il video della giocata da applausi:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento