Gioco legale e responsabile

Live

Azzurri KO nel Master Classic, impressionante Ole Schemion ad Amsterdam

Il day 2 del "€4.300 main event" al Master Classic Of Poker di Amsterdam ci lascia senza azzurri in gioco. La truppa italiana alza bandiera bianca, mentre il field si avvicina allo scoppio della bolla a grandi passi. A dominare la scena ci pensa Ole Schemion che in questa kermesse diventa sempre protagonista e nel main prova a riscrivere la storia. 

Scritto da
29/11/2019 10:42

1.158


50 left e 47 ITM

Il main event del Master Classic ad Amsterdam è ripreso ieri pomeriggio con la versione turbo del day 1B. In 72 hanno battagliato lungo i livelli da 20 minuti e altri 49 players si sono aggiunti ai 101 promossi del day 1A. In serata è decollato il day 2 e con la late aperta ancora per due livelli altri players si sono lanciati nella mischia. Il totale dei paganti recita 346, superando così i 298 ingressi dello scorso anno.

Complice il buyin di 4.300 euro, è stato raggiunto il prize pool di 1.370.160 euro, da spartire in 47 posizioni a premio. Il cash minimo corrisponde a 8.632 euro, mentre la prima moneta è composta da 260.878 bigliettoni. Approdare al tavolo finale, garantisce a tutti 33.021 euro, con 25.485€ destinati al nono classificato. In 50 si avviano al day 3 e questo significa che la bolla scoppierà immediatamente alla ripresa dei giochi.

Ole Schemion da sballo

Il main event del Master Classic conferma lo straordinario feeling di Ole Schemion in questa competizione. Il tedesco non solo brilla, ma si accomoda al secondo posto nel count a quota 772.500 chips. Una prestazione ancora sopra le righe per Ole Schemion che mette nel mirino l’ennesima impresa. I galloni di chipleader vanno invece a Shyngis Satubayev che per il secondo giorno consecutivo si conferma imprendibile in vetta alla graduatoria.

Scorrendo il count sono tanti i volti noti che proseguono l’avventura in terra olandese, oltre al già citato Ole Schemion. Nella top ten troviamo Pascal Vos con 407.000 unità, mentre a ridosso dei migliori ecco che spunta la sagoma di Steve O’Dwyer. Il player americano, ma di passaporto irlandese, mette assieme 225.000 e rilancia le sue ambizioni di successo. Promossi infine David Hu (107.500), Paul Tedeschi (88.000), Paul Hoefer (85.500) e Sonny Franco fanalino di coda con 31.000 pezzi.

Come detto, niente da fare per gli azzurri che vedono scendere il sipario nel corso del day 2. Da Andrea Ricci a Roberto Morra, da Ivan Gabrieli ad Alessandro Valli, nessuno di essi completa il giro di boa verso la terza giornata e non avremo alcun player in lotta per il titolo di campione. Carte in aria con il day 3 a partire dalle ore 13.30 con il livello 2.500-5.000 big blind ante 5.000.

La top 10 del day 2

  1.  Shyngis Satubayev 1,074,000
  2.  Ole Schemion 722,500
  3.  Jesse Liljegren 445,000
  4.  Pascal Vos 407,000
  5.  Gert Jan Albers 371,500
  6.  Rashed Zade 325,000
  7.  Christopher Frank 315,500
  8.  Dax Hagens 314,000
  9.  Michiel Van Elsacker 307,500
  10.  Johan Rensink 300,000

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento