GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Live

PCA Super High Roller 2018: Scott Seiver comanda il Day 1, passa Mustapha Kanit

Il PCA Super High Roller fa da apripista al ritorno del PokerStars Caribbean Adventure: nel torneo da $100.000 di buy-in c’è anche Mustapha Kanit. Dopo il Day 1, Scott Seiver guida i 33 superstiti: ancora dentro, tra gli altri, anche Daniel Negreanu ed Erik Seidel.

Scritto da
07/01/2018 08:39

2.477


Con lo shuffle up and deal del PCA Super High Roller 2018 da $100.000 di buy-in, è cominciata ieri l’edizione 2018 del PokerStars Caribbean Adventure. Ma sarebbe meglio dire che è ricominciata, visto che il brand era stato messo in soffitta l’anno scorso.

Un inizio col botto, con uno dei torni più ricchi e attesi dell’intera programmazione: ovviamente tanti i big del poker live che si sono schierati, molti dei quali li rivedremo al Day 2. E chissà che qualcuno non sfrutti la late registration per presentarsi ai nastri di partenza proprio oggi.

 

PCA Super High Roller Scott Seiver

Scott Seiver (photo courtesy of Neil Stoddart)

 

PCA Super High Roller 2018: 46 entry

Per il momento, sono 46 gli ingressi fatti registrare al PCA Super High Roller: 34 giocatori unici e 12 re-entry. Il migliore di tutti è stato Scott Seiver, uno che sa come si vince il Super High Roller dell’evento caraibico targato PokerStars.

Il trentaduenne professional poker player americano, infatti, si è portato a casa questo stesso evento nel 2013, incassando oltre 2 milioni di dollari, cifra che rappresenta il primo premio più alto nella storia del Super High Roller del PCA.

Un Seiver che non ha sofferto l’assenza dai grandi eventi internazionali: “Onestamente è stupendo venire qui e fare così bene. Ero un po’ preoccupato di essere arrugginito: questo era il mio primo torneo grosso da quasi due anni a questa parte. Per circa un anno e mezzo ho giocato quasi solo cash game.

Mustapha Kanit aggrappato al Day 1

Tra i 33 superstiti, abbiamo anche un italiano. Si tratta del ‘solito’ Mustapha Kanit, penultimo nel chip count con appena 102.000 gettoni – dietro di lui soltanto il tedesco Reiner Kempe con 46.000 pezzi.

Non sarà facile, ma nemmeno impossibile, per ‘Mustacchione’ risalire la china, anche perché il Day 2 – previsto per le 12 ora locale di oggi – ricomincerà con i bui a 3.000/6.000 e ante 1.000. Per Kanit si tratta di uno stack da 17 big blind tondi tondi.

L’azzurro in realtà è maestro quando si tratta di giostrare questo genere di stack, perciò la speranza è che possa trovare il guizzo giusto per catapultarlo a fine giornata, perché vorrà dire che sarà arrivato al final table da 6 giocatori.

PCA Super High Roller: promossi e bocciati

Partiamo dai bocciati, in realtà solo uno: il tedesco Christopher Frank è l’unico player tra gli iscritti che non si ripresenterà al Day 2. Altri invece sono stati rimandati, nel senso che hanno sfruttato il re-entry.

Come ad esempio Daniel Negreanu, eliminato durante la giornata, iscritto nuovamente e capace di chiudere il Day 1 al 12° posto con 438.000 chip. Stesso dicasi per il comico Kevin Hart, Ben Tollerene, David Peters e Dan Shak.

Dando uno sguardo alla top ten del chip count, sotto agli 804.000 gettoni di Scott Seiver troviamo Justin Bonomo a 799.000. Bene anche Ivan Luca, Sam Greenwood e Bryn Kenney, che occupano dalla 4° alla 6° posizione, e il sempiterno Erik Seidel, 9°.

PCA Super High Roller 2018: top ten dopo il Day 1

  1. Scott Seiver 804.000
  2. Justin Bonomo 799.000
  3. Jean-Noel Thorel 598.000
  4. Ivan Luca 587.000
  5. Sam Greenwood 569.000
  6. Bryn Kenney 548.000
  7. Christopher Kruk 533.000
  8. Stephen Chidwick 492.000
  9. Erik Seidel 479.000
  10. Kevin Hobbs 472.000

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento