Gioco legale e responsabile

Live

Phil Ivey, un amaro secondo posto: sfiora la vittoria al Super High Roller Series Sochi

Dopo aver già ottenuto un 7° posto nel Super High Roller Serie Sochi da $25.000, Phil Ivey si è arreso soltanto in heads-up in quello da $50k. Sul più bello, la Dea Bendata gli ha voltato le spalle, impedendogli di coronare un dominio assoluto con la classica ciliegina sulla torta.

Scritto da
12/03/2020 07:02

1.830


Phil Ivey è tornato. Non che Sua Maestà se ne fosse mai andato, per carità, ma a quasi quattro mesi di distanza dall’ultima bandierina, il professional poker player americano ha piazzato un uno-due da oltre $600.000 alle Super High Roller Series Sochi.

Dopo il riscaldamento di un paio di giorni fa, con un 7° posto nel Super High Roller da $25.000, ieri Ivey si è fermato a un passo dalla vittoria nel torneo da $50.000 di Short Deck, arrendendosi in heads-up al malese Wai Kin Yong, nonostante fosse partito in netto vantaggio.

 

Phil Ivey

Phil Ivey

 

In questo Articolo:

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Da 8 a 3

Il torneo ha visto 50 partecipanti presentarsi ai nastri di partenza, ma solo 8 di loro sono approdati al Day 2 di ieri. Il primo player ad alzare bandiera bianca, nonché il primo a uscire in the money ($100.000 per lui) è stato Paul Phua, quando il suo A-T non è riuscito a reggere contro il K-J di Mikhail Rudoy, fortunato a trovare un jack al river.

Lo stesso Mikhail Rudoy è stato eliminato al 6° posto, dopo che aveva eliminato Seth Devies al 7°. A spedire Rudoy alle casse ci ha pensato proprio Phil Ivey, che con A-K ha ricevuto un K necessario a superare il J J del suo avversario.

Aaron Val Blarcum è uscito invece in 5° posizione. Lo statunitense ha prima fatto raddoppiare Yong, per poi trovarsi corto e andare all-in al buio per un paio di mani: la seconda è risultata fatale, perché il suo K-9 si è scontrato e ha perso con l’A-Q di Sam Greenwood. Lo stesso professionista canadese ha eliminato ai piedi del podio Cary Katz, in un piatto dominato con Q-Q contro 9-8.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Phil Ivey elimina Sam Greenwood con un quads

Il buon Sam Greenwood non ha resistito molto a lungo, dopo quella doppia eliminazione. Proprio Phil Ivey lo ha fatto metaforicamente fuori al 3° posto al termine di una mano spettacolare. Lo statunitense, infatti, ha deciso di fare solo call pre-flop con A A , inducendo Greenwood al check da bottone con K 8 .

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Sul flop A Q Q , Ivey ha puntato, ricevendo il call altrui. Il turn ha posato sul tavolo anche l’A , completando il quads del giocatore di colore. Qui Ivey ha continuato col suo piano-trappola facendo solo check e concedendo a Greenwood una carta gratis. Sul J al river, Ivey è uscito nuovamente in puntata, spingendo Greenwood a investire in un raise la metà del suo stack.

Qui Phil Ivey è andato ovviamente all-in, trovando il call immediato del canadese, che si è dovuto inchinare alla giocata del campione.

Dalle stelle alle stalle

L’heads-up è iniziato con Phil Ivey in gargantuesco vantaggio di chip, addirittura il quadruplo rispetto al suo avversario. Ma lo Short Deck è un gioco dalla varianza pazzesca e tutto può succedere, infilando qualche buona mano.

È proprio quello che è capitato a Yong, che prima raddoppia con A J contro Q J , poi riceve J 10 e manda nuovamente la vasca, ma si trova contro stavolta nientemeno che A A . Il flop però aiuta il malese: 10 10 9 ed altro raddoppio.

A questo punto la situazione si è completamente ribaltata ed è Phil Ivey a dover inseguire. Nell’ultima mano del torneo, l’americano rilancia pre-flop con Q J e viene chiamato da J 10. Le prime tre carte comuni confermano il vantaggio dello statunitense, perché sono Q 9 J : Yong però ha tanti progetti e decide di andare direttamente all-in, trovando il call altrui.

Il turn è proprio un K che fa chiudere al malese una scala, più che sufficiente a sigillare la vittoria e gli annessi $800.000 del primo premio.

Il payout del torneo e il reply del final table

Ecco il payout finale dell’evento:

  1. Wai Kin Yong $800.000
  2. Phillip Ivey $525.000
  3. Samuel Greenwood $350.000
  4. Cary Katz $250.000
  5. Aaron Vanblarcum $200.000
  6. Mikhail Rudoy $150.000
  7. Seth Davies $125.000
  8. Paul Phua $100.000

E il reply del tavolo finale:

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento