Gioco legale e responsabile

Live

Poker Live Daily: Italia game over a Dublino, Max Silver in corsa per il titolo

Un day 3 senza sussulti per i nostri giocatori. A Dublino si esaurisce l'avventura azzurra nel main event dell'Irish Poker Open. Per Luca Stevanato, Tommaso Bonini e Ivan Tononi la rincorsa al tavolo finale è interrotta nel corso della terza giornata. Al final table ci arriva il solito Max Silver: è secondo nel count, ma con la metà delle chips del primo della classe.

Scritto da
22/04/2019 11:00

1.716


Day 3 amaro

Il Poker Live non conosce soste a Dublino e il main event ha bisogno di conoscere i suoi 9 finalisti, sulla strada che porta alla prima moneta da 300.000€. Il “€1.150 main event €1.000.000GTD”, all’Irish Poker Open, vede 96 giocatori riprendere posto per la discesa al tavolo finale. In mezzo a questo plotone di giocatori, anche tre azzurri che sognano ad occhi aperti. Purtroppo sarà un brusco risveglio per loro, visto che i nostri players saranno eliminati nella prima parte del day 3. Il primo ad avviarsi alle casse è Luca Stevanato. Il veneto ripartiva con 25 big blinds e non trova il double up decisivo, per una ricompensa da 3.650€ in 84° piazza.

Luca Stevanato

Poco dopo spetta a Tommaso Bonini alzare bandiera bianca. Per il player fiorentino non c’è la seconda rimonta consecutiva e così si accomoda al 75° posto per 4.500 euro. A questo punto tutte le speranze sono per Ivan Tononi. “Triple Ace” è l’ultimo baluardo azzurro in corsa, ma anche per lui arriva l’eliminazione: esce in 56° piazza per 5.500 euro. Il bilancio italiano quindi, si chiude con 4 italiani a premio (nel day 2 era approdato ITM Sergio Castelluccio, ndr) e un po’ di amaro in bocca per un day 3 che speravamo completamente diverso.

Farrell out, Silver insegue

Poker Live scintillante a Dublino, con un main event che non guarda in faccia nessuno. Lo sanno bene due big come Benny Glaser e Niall Farrell. L’inglese è fuori dai giochi tradito da un bvb: lo small blind lo mette ai resti con K-5 e lui snappa con A-J. Il board K-Q-J-7-5 lo costringe alla resa in 21° piazza per 11.500 euro. Subito dopo è la volta di Niall Farrell. Lo scozzese, dopo essere stato per due giorni nella top 3 del count, è steso da un coinflip. Ci prova con A-10 e si arrende a 3-3 del rivale. Ventesimo posto e stesso premio incassato da Glaser. Chi invece non molla la presa è Max Silver.

Praticamente l’inglese non è mai uscito dalla top 5 della graduatoria in queste giornate ricche di spettacolo ed emozioni. Si conferma un cecchino di spessore imbustando 8.530.000 pezzi. Non valgono però per avere la leadership assoluta nel count: anzi rappresentano la meta delle fiches in dote al primo della classe. Impressionante il rush di Weijie Zheng che vola letteralmente con 16.970.000. La fuga dell’asiatico deriva dall’allin vinto vs Bodo Sbrzesny a 19 left. Sul board A-5-10-J, quest’ultimo finisce ai resti con A-8 vs A-7 di Zheng. Un clamoroso 7 ribalta tutto e se Bodo saluta la compagnia, Weijie decolla senza sosta al comando. Oggi la volata finale, con 300.000€ riservati al campione.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento