Gioco legale e responsabile

WSOP 2018

WSOP 2018: Shaun Deeb vince anche il 6-Max Championship, Musta out nel $50.000 ma a premio

Secondo torneo vinto per Shaun Deeb in questa edizione delle WSOP. Il giocatore di Troy supera nella leaderboard del Player of The Year John Hennigan (appena nominato nella Hall of Fame). Giornata agro-dolce invece per Mustapha Kanit nell'high roller da $50.000. Alla fine il player di Alessandria deve accontentarsi di un premio da $97.000, dopo essere stato eliminato da Nick Petrangelo.

Scritto da
15/07/2018 09:01

1.917


Doppietta di Shaun Deeb che domina il WSOP POY

Shaun Deeb vince uno dei tornei più tosti, il $10.000 No Limit Hold’em Six-Max Championship e incassa $814.179 in un re-match, in heads-up contro Paul Volpe. Per Deeb è il secondo braccialetto in queste WSOP e, grazie a questo ennesimo successo, sale in vetta di nuovo al POY 2018.

Nel 2015 avevamo assistito al medesimo scontro tra Deeb e Volpe per la vittoria nel Pot-limit hold’em Championship ed anche tre anni fa vinse Shaun. E’ stato il suo primo braccialetto in carriera. Il quarto è stato forse il più sudato perché ha dovuto rimontare Volpe in heads-up: partiva in una posizione di netto svantaggio.

Il poker player di Troy (New York) ha sconfitto un field di 355 players. In queste WSOP abbiamo assistito a suo uno score impressionante: 15esimo torneo a premio, seconda vittoria e terzo tavolo finale. Dopo aver vinto nel $25.000 Omaha High Roller si è ripetuto nel 6-Max Championship NLHE. Al momento il suo bottino a Las Vegas per le World Series supera i 2,4 milioni di dollari. Estate memorabile per lui.

Il payout del final table

  1. Shaun Deeb – $814,179
  2. Paul Volpe – $503,196
  3. Romain Lewis – $325,842
  4. Bin Duan – $216,370
  5. Scott Margereson – $147,431
  6. John Andress – $103,152

Event #77 $50,000 No-Limit Hold’em High Roller (Big Blind Antes)

Mustapha Kanit

Non riesce a Mustapha Kanit l’ultima magia azzurra prima della chiusura delle World Series of Poker, in un’edizione molto deludente per il poker italiano. Ma era senza dubbio il torneo più difficile ed oggi le carte non sono girate nella direzione giusta. E quando non girano contro i più forti giocatori del mondo c’è poco da fare. Ma Musta, in ogni caso, si consola con un premio di $97.000.

Al redraw, a 15 left Mustapha Kanit si trova tra i più short, in 11esima posizione nel count, con poco più di un milione di chips, mentre il chipleader Ben Yu supera i 5 milioni. Il player di Alessandria guadagna qualche chips in alcuni piatti non contestati. Dopo circa mezz’ora esce di scena contro Nick Petrangelo che apre dal bottone per 180.000, 3-bet all in di Musta dallo small blind per 1.200.000 e call dell’high roller americano. Showdown:

Mustapha Kanit a 7
Nick Petrangelo k q

Il board è beffardo 6 a j 10 j

Mustapha esce in tredicesima posizione con in tasca $97.000.

Escono poi di scena Ryan Riess (per mano del chipleader Ben Yu), Jason Koon, Benjamin Pollack e al 9 left, ad inizio final table, il torneo sembra una questione tra lo stesso Ben Yu con 7,7 milioni e Petrangelo con 5,5. Più staccati tutti gli altri.

Lasciano subito il final table Elio Fox e Jake Schindler. Deve arrendersi anche l’ex November Nine John Recener (7°) e Manig Loeser (6°). Igor Kurganov perde il coinflip decisivo contro Sean Winter e deve dire addio al torneo. A 4 left Ben Yu è saldamente in testa con 10 milioni di chips mentre arranca short Isac Haxton che si arrende proprio contro il leader (A7 vs AQ).

 

Questo il payout del tavolo finale:

  1. Ben Yu – $1,650,773
  2. Sean Winter – $1,020,253
  3. Nick Petrangelo – $720,103
  4. Isaac Haxton – $518,882
  5. Igor Kurganov – $381,874
  6. Manig Loeser – $287,174
  7. John Racener – $220,777
  8. Jake Schindler – $173,604

Partecipa a Spin and Goal e prova a vincere su PokerStars.it fino a 1.000.000 di euro! Se non sei già iscritto/a, registrati subito!

 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento