Gioco legale e responsabile

WSOP 2021

Luigi Curcio e un cooler che fa male al WSOP PLO 8-max: nuts vs 2nd nuts e addio sogni di gloria

Uno ha nuts, l'altro ha second nuts, uno si invola verso la vetta del chipcount di un evento WSOP, l'altro va a parlare con i muri. Quanto accaduto a Luigi Curcio al PLO 8-max delle World Series è esemplificativo di come sia a volte antipatica, la vita del torneista di poker.

Scritto da
15/10/2021 21:07

1.550


Siamo alle WSOP, siamo a premio e leghiamo un ottimo board a Pot Limit Omaha, ma scopriamo che l’avversario ha l’unica mano che potrebbe starci davanti. In estrema sintesi è quanto accaduto a Luigi Curcio all’event #26 delle WSOP 2021, un Pot Limit Omaha da 1.000$ di buy-in giocato su tavolo da 8.

Luigi Curcio (foto di repertorio – courtesy of PokerNews)

In questo Articolo:

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Nuts contro Second Nuts: l’amarezza di Luigi Curcio

Siamo nel corso del livello numero 16, con 95 giocatori rimasti sugli oltre 1000 iscritti (1069, per la precisione). I blinds sono 3.000/6.000 con bb ante 6.000. Da hi-jack Dylan Weisman apre di pot, a 21.000. Luigi Curcio siede sul bottone con circa 400mila fiches e in mano 8 9 9 10, pertanto decide di chiamare.

Flop

Il flop è a 9 2 , l’original raiser continua nella sua aggressione puntando circa il piatto, stavolta per 42.000.

Turn

Il turn porta un 7 che apre un interessante wrap di scala per il nostro giocatore. Weisman punta ancora, stavolta 85mila. Luigi ha in totale 345mila e decide di metterle tutte dentro.  L’avversario chiama e allo showdown mostra a a 5 6 .

River

Weisman ha al momento il nuts, Curcio il second nuts a cui si aggiunge il già citato wrap. Purtroppo per lui il river è un 10 e il piatto parte in direzione del suo avversario, estromettendo l’italiano dal torneo.

“Ho pensato di limitarmi a chiamare turn e probabilmente con uno stack più deep lo avrei fatto. Così lo shove mi è sembrato la mossa più corretta, peccato perché sarei andato in top 5.” Questo è l’amaro quanto sintetico commento rilasciatoci da Luigi Curcio, per una mano che effettivamente non poteva andare in maniera diversa, con questa profondità di stack. Troppe le carte che Luigi non vorrebbe vedere al river, o che freezerebbero l’azione.

La foto del board fatale a Luigi Curcio, scattata dallo stesso giocatore

La foto del board fatale a Luigi Curcio, scattata dallo stesso giocatore

La dura legge del PLO

Sembra persino banale dirlo, ma passare indenni da cooler come questo – e farlo almeno 2-3 volte nell’arco di uno stesso evento – è molto spesso fondamentale per arrivare in fondo, nei tornei di poker. Lo è ancora di più in un torneo di Pot Limit Omaha e per giunta giocato su tavolo da 8, poiché in questa situazione la possibilità di ritrovarsi “nuts vs 2nd nuts” o cooler simili è sensibilmente più alta, rispetto a contesti in cui le carte distribuite sono molte meno.