Vai al contenuto
lotteria-vincitore

Lotteria: vince 22 milioni ma viene condannato per “spaccio” di droga, la sua casa trasformata in una discoteca

La maledizione della lotteria torna a colpire. L’ex idraulico Joshua W. di Adelaide nel 2017 ha vinto un jackpot da 22 milioni di dollari australiani (circa 14 milioni di euro) assegnato dalla lotteria locale South Australia Powerball.

Al tempo Joshua aveva 22 anni e una vita normalissima. Quella pioggia di soldi piovuti dal cielo in modo così facile forse lo ha destabilizzato. Poche settimane fa, nel mese di agosto, è stato condannato a 3 anni e 9 mesi di carcere per aver fornito droga sintetica MDMA ma anche per detenzione di un’arma da fuoco illegale non dichiarata.

I soldi vinti dalla Lotteria sono stati gestiti dai genitori in un fondo fiduciario

I fatti risalgono al 2020. La polizia ha fatto irruzione nella sua abitazione (trovandola semi distrutta) e lo ha sorpreso con in possesso 28,3 grammi di MDMA, 2,27 g di cocaina, della marijuana, una pistola Mauser e munizioni.

Per fortuna i genitori hanno gestito i soldi della vincita creando per il figlio un fondo fiduciario, ma evidentemente non è bastato per assicurargli un tenore di vita ben sopra le righe (nel vero senso della parola).

La sua dimora è stata trasformata in una sorta di “discoteca”, una casa per le feste, punto di ritrovo per tossicodipendenti e scrocconi.

Quando i poliziotti hanno perquisito la sua abitazione hanno trovato contenitori per protossido di azoto, bottiglie di vino e di birra vuote disseminate sul pavimento, vestiti sporchi e spazzatura, oltre a una ciotola di cocaina nel frigorifero.

La dura condanna a 3 anni e 9 mesi

Durante il processo il giudice Heath Barklay si è rivolto all’imputato con un tono paternalista: “A causa dei soldi vinti, non avevi alcuna motivazione a lavorare o dedicarti a altre attività ludiche”.

Con il possesso di 28,3 grammi di MDMA, il confine tra spaccio e detenzione di droga è molto labile. Il giudice sembra però aver escluso il fine di lucro: “avevi un sacco di soldi, quindi ti potevi permettere di acquistare grosse quantità di droga che consumavi e fornivi anche ai presunti amici”.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

La condanna però non è stata banale con oltre 3 anni e 9 mesi di detenzione. Uno dei problemi più gravi riguarda la detenzione della pistola. Il magistrato, molto probabilmente, ha voluto dargli una bella lezione.

Il fatto però di aver vinto alla lotteria (il certificato della vittoria della lottery commision statale era incorniciato in casa) ha alleggerito la sua posizione perché è evidente che il ragazzino non avesse alcun interesse a guadagnare dalla droga.

Nota bene: la foto in copertina è generica, il ragazzo nell’immagine è un modello estraneo ai fatti narrati nell’articolo (foto Shutterstock)

COMPARAZIONE GIOCHI
Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.