Vai al contenuto

Doyle Brunson scampa a una rapina e avverte: “Giro armato, fate attenzione”

Doyle Brunson ha 83 anni, è un texano tutto d’un pezzo, vota repubblicano e, ovviamente, è a favore dell’utilizzo delle armi da fuoco per la difesa personale. Per quanto Texas Dolly non sia un personaggio aggressivo, una brutta faccenda avvenuta ieri lo ha spinto a dichiarare pubblicamente di essere pronto a metter il dito sul grilletto in caso di necessità.

Nella giornata di ieri un uomo si è introdotto in una villa di Las Vegas, ha puntato una pistola addosso al padrone di casa mentre entrava in garage e gli ha intimato di consegnarli tutti i contanti e le chips che possedeva. Il proprietario di casa ha dichiarato di non avere chips con sé, ma il ladro ha insistito: “Tu sei un giocatore di poker, devi averle per forza“.

Dopo averlo perquisito, il delinquente si è reso conto che effettivamente non c’erano chips né grosse somme di denaro in contanti. Il ladro si è fatto consegnare tutto ciò che poteva (500$) e poi è scappato, non prima di comunicare alla vittima che avrebbe ucciso il suo informatore per la dritta sbagliata.

doyle

La polizia ha infatti appurato che la vittima di questo colpo era in realtà Doyle Brunson, che vive a pochi metri di distanza. Il malintenzionato ha sbagliato indirizzo e il Padrino del poker si è quindi risparmiato una bruttissima esperienza. Ma l’aver scampato la rapina non ha reso felice Brunson, che si è affidato a Twitter per esternare i suoi sentimenti.

“Un agente di polizia ha appena lasciato casa mia. C’è stata una rapina a qualche porta dalla mia. Il ladro credeva di derubare un giocatore di poker, probabilmente intendeva me“, ha spiegato Doyle.

“Ma questi idioti non sanno che lasciamo i nostri soldi al casinò dove giochiamo?“, si è chiesto infuriato il 10-volte campione WSOP. “Ha raccontato alla vittima che la sua fetta doveva essere di 700.000$”.

Doyle non è tranquillo, ma anche se teme per la sua incolumità non ha intenzione di starsene con le mani in mano. “ATTENZIONE: porto sempre una pistola con me“, ha scritto su Twitter. “Quando torno a casa scendo dalla macchina con la pistola in mano. Ho tutti i tipo di silenziatori, rilevatori di movimento etc. In più ho 83 anni e so utilizzare le armi da sempre”.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

doyle

Il tentativo del professionista di Las Vegas è quello di scoraggiare eventuali ladri dal mettersi sulla sua strada, come spiega nell’ultimo messaggio: “Non mi farò derubare di nuovo. 5 volte nella mia vita sono già abbastanza! Quindi è meglio che ogni aspirante ci pensi bene!”

Nel corso della sua lunghissima carriera nel poker, Doyle Brunson è stato derubato più volte. Inizialmente quando era un rounder che girava l’America a caccia delle partite illegali più profittevoli, poi quando il poker è diventato un fenomeno globale e il suo nome è diventato popolare.

Nel 1998, ad esempio, Brunson e la moglie sono stati derubati per 4.000$ in contanti e 80.000$ in chips. In quell’occasione Doyle finse di avere un attacco cardiaco per mandare nel panico i ladri e spingerli ad andarsene senza rubare altro. Il bluff di Texas Dolly funzionò, ma la speranza è che oggi, a 83 anni, non debba più ritrovarsi in situazioni del genere.