Gioco legale e responsabile

News

Mercier-PokerStars: clamoroso addio! Jason: “scelta obbligata, conta solo il benessere di mio figlio…”

Con il contratto in scadenza, Jason Mercier in maniera molto responsabile ha capito che per lui era impossibile continuare le trattative per il rinnovo del contratto. Gli impegni familiari hanno prevalso. I suoi programmi nel poker live.

Scritto da
08/01/2018 09:58

5.223


Jason Mercier, con un lungo e sofferto articolo su PokerStars Blog, ha dato addio al suo sponsor dopo 8 anni e mezzo memorabili. Una sinergia forte, un legame profondo iniziato durante le WSOP 2009 (quando il giocatore di Fort Lauderdale vinse un braccialetto), un rapporto giunto al termine, come molte cose belle della vita.

La famiglia Mercier: Jason ha voluto dire addio a PokerStars, pubblicando questa foto sul blog della room

Le cause del divorzio

Il contratto tra le parti è scaduto a fine 2017, le trattative per il rinnovo sono state molto brevi: Jason, come ha spiegato, ha compreso che con un bimbo appena nato in casa, era impossibile per lui poter viaggiare come un tempo con la famiglia al seguito (anche la moglie Natasha Barbour è una regular del circuito) e soprattutto adempiere agli impegni che richiede un contratto del genere.

Così, dopo i primi incontri, ha deciso per uno storico fold, senza rancore ma con la consapevolezza che un capitolo della sua vita era giunto alla conclusione per una ragione ben precisa.

Arrivederci Bahamas…

“E’ singolare che scriva questo articolo il 6 gennaio, data nella quale mio figlio compie 3 mesi ed il giorno nel quale prende il via la PCA con il Super High Roller da $100.000”. Dopo 10 anni per la prima volta Mercier buca l’appuntamento delle Bahamas: “non ho mai saltato un’edizione ed ho sempre giocato per 7 anni il super High Roller. E’ stata una scelta dura”. Ma Mercier, da buon padre di famiglia, ha capito che per lui era impossibile lasciare a casa il piccolo Marco Henry, nato il 6 ottobre.

“Da quando è nato non mi preoccupo più dei miei programmi ma solo del benessere di mio figlio e di mia moglie”.

“Dopo la sua nascita sapevo che le cose sarebbero state differenti. Uno dei maggiori pensieri era come sarebbe proseguito il mio rapporto con PokerStars. Così ho preso tempo con il mio collega di Stars all’avvicinarsi della fine dell’anno. Ho pensato a lungo e poi ho preso la decisione che era impossibile proseguire”.

La politica di The Stars Group

Nel team di PokerStars rimangono solo Daniel Negreanu e Liv Boeree come icone storiche.

Mercier però, rispetto a Vanessa Selbst, non lascia il poker competitivo. In questi mesi il suo programma sarà meno intenso: giocherà in Florida, gli eventi più importanti (Seminole Hard Rock Hollywood sarà uno dei suoi punti di riferimento), le World Series 2018 e il PCA 2019.

Per PokerStars si chiude una pagina importante: perde due sue stelle negli States, mercato però coperto dai testimonial Usain Bolt e Kevin Hart ingaggiati dalla nuova gestione “canadese” ex Amaya Gaming, ora The Stars Group che da anni privilegia più investimenti mirati in personaggi dello sport e dello spettacolo rispetto a poker pro.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento