Vai al contenuto

Nuovo iPad: da oggi in Italia il “risoluzionario”. E’ ok per i grinder?

Sono passati alcuni giorni dal lancio ufficiale del “Nuovo” iPad e adesso è finalmente possibile l’acquisto in Italia. In altri paesi della comunità Europea e oltreoceano invece sono già in molti a possedere il nuovo gioiello di casa Apple.

Con un comunicato stampa ufficiale la casa della mela morsicata annuncia la vendita di 3 milioni di dispositivi nei primi 4 giorni. E’ record!

La Apple non è nuova a questi tipi di primati, come non è una nuova a ricevere critiche su alcuni “difetti di gioventù” appena i primi utenti portano a casa i nuovi dispositivi.
Anche il nuovo iPad non è stato risparmiato dai primi fanboy che lo hanno testato e ispezionato nei minimi particolari.

Cosa non è andato bene questa volta?
Innanzitutto questo tablet scalda tantissimo, nella parte dove risiede il nuovo Chip A5X con GPU quad-core. Il calore prodotto nelle fasi di stress, a detta degli utenti, rende l’utilizzo poco confortevole. Le molte lamentele anche nel forum di supporto Apple hanno costretto la stessa a pronunciarsi su questo problema:

Il nuovo iPad offre un fantastico Display retina, un chip A5, il supporto alle reti 4G LTE e ben 10 ore di autonomia, il tutto rispettando le nostre specifiche termiche. Se i nostri acquirenti hanno qualsiasi problema o dubbio possono rivolgersi al nostro AppleCare.

Quindi tutto sotto controllo anche perchè la temperatura non supera mai i 95 gradi fahrenheit anche se ci va molto vicino. Nel caso si raggiungano temperature eccessive il dispositivo si auto-blocca fino a che non si torna sotto la soglia di guardia. Ci sarebbe adesso da vedere come si comporta se giochiamo sotto l’ombrellone in una calda giornata di Agosto.

Un altro problema, se cosi possiamo definirlo, riguarda la nuova batteria da 11.560 mAh. Anzi in realtà non è un problema ma sono due piccoli aspetti del carica batterie che infastidiscono l’utenza. Il carica batterie in dotazione è quello classico da 10W che sembra essere sottodimensionato per il nuovo tablet.

Per effettuare un ciclo di ricarica completa, ovvero caricare il dispositivo da zero a cento, ci vorrà tutta la notte! Quindi scordatevi una carica veloce quando siete in giro e trovate una presa di corrente che potrebbe salvarvi la vita.

Inoltre il processore sembra essere così energivoro che risulta impossibile caricare il device durante l’esecuzione delle applicazioni più complesse. Alla luce di questi fatti l’utenza avrebbe gradito in dotazione un caricabatterie un po’ più performante.

Sembra però che tutte queste critiche e i problemi elencati finora vengano superati dall’esperienza d’uso del nuovo retina display che offre una risoluzione di 2048×1536 pixel, ovvero un milione di pixel in più di una TV Full HD. Tutto racchiuso un una decina di pollici.
Risoluzioni da grinding estremo. Vedremo se questo nuovo dispositivo porterà delle novità in questo senso. Sicuramente ci fa sperare in altri dispositivi, notebook e computer, “Risoluzionari” (è come la Apple ha definito il nuovo iPad a causa del nuovo retina display).

scritto da
Simone ‘Holy455’ Paoli (moderatore di Assopoker e coach di Pokermagia)