Gioco legale e responsabile

News

Patrik Antonius, suo il piatto più ricco del poker online

Scritto da
18/11/2009 04:24

5.389


Patrik AntoniusCrediamo sia giusto così. Il giocatore più forte assieme a Phil Ivey, il più vincente del 2009, in altre parole Patrik Antonius si porta a casa anche il piatto più grande mai giocato online: ben 878.959 dollari!

Suo malgrado, co-protagonista di questa storia è ancora una volta Isildur1, che in assenza di Tom “durrrr” Dwan non ha trovato di meglio che sfidare in heads up Patrik Antonius. Come dire, chi causa del suo mal pianga se stesso.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

In realtà finora Isildur1 aveva fatto registrare buoni profitti anche contro il finlandese, ma nell’ultima sessione avuta luogo su Full Tilt le cose sono andate diversamente. Entrambi i giocatori hanno specialità predilette diverse: mentre Antonius è fortissimo in Omaha Isildur1 preferisce il NL Hold’em, così i due hanno raggiunto un compromesso. Ovvero, giocare due tavoli di No Limit Hold’em e due tavoli di Pot Limit Omaha, entrambi ai limiti $500/$1000.

Parlando di due giocatori tanto forti, fa quasi sorridere dire che abbiano un gioco che preferiscono, dal momento che anche nelle specialità in cui si sentono meno sicuri sarebbero in grado di ridicolizzare moltissimi altri buoni giocatori.

Tuttavia, poiché di fronte abbiamo due fenomeni – consentiteci questo appellativo anche per Isildur1 – l’edge diventa ridotto e quindi fondamentale. L’esito per lo svedese è stato disastroso: oltre 2 milioni e 500.000 dollari persi contro Patrik Antonius nell’arco di 24 ore, un terzo dei quali in questo piatto pazzesco che adesso andiamo a raccontarvi.

Entrambi siedono ad uno dei tavoli aperti di Pot Limit Omaha, con limiti $500/$1000, ed entrambi sono particolarmente deep, visto che hanno stack di oltre 400.000 dollari a testa. In altre parole, una follia. E tutti i curiosi di internet li seguono, sono lì ansiosi nell’attesa che accada quanto ai più appare inevitabile: uno scontro dove tutto quel denaro finisca nel piatto. Il piatto più ricco della storia del poker online che sia stata scritta fino ad oggi. E l’attesa infine è stata ripagata, per la gioia di tutti meno che del povero Isildur1.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Isildur1 si trova sul bottone, e rilancia fino a 3.000 dollari con un’ottima mano come q 10 k a , mentre Patrik essendo fuori posizione e con una mano non eccelsa come a 6 q 9 si limita a chiamare.

Il flop è tuttavia ottimo per il finlandese, che con 5 7 q trova una mano potenzialmente devastante, dove ha top pair, progetto nut di colore e un progetto a incastro di scala. Davvero difficile pensare a qualcosa di meglio per Antonius.
Isildur1 dal canto suo ha solo top pair con più improbabili progetti di colore runner runner e di scala. Antonius checka, Isildur1 punta quasi il piatto con 5.000 dollari e per tutta risposta Patrik rilancia fino a 21.000. Isildur1 vede.

Il turn è un a che scatena comprensibilmente l’inferno, visto che consegna ad entrambi la top two pair e sul quale si finisce fatalmente ai resti. Peccato per lo svedese che il redraw di Antonius sia molto più importante del suo, e così un pesantissimo, indimenticabile 8 consegna la scala a Patrik e soprattutto il monster pot che dalla scorsa notte alza l’asticella del record.

Lo screenshot del piatto-record

Il precedente primato era infatti di 723.000 dollari, un piatto giocato fra “durrrr” e “Urindanger” nell’ottobre 2008.

Lo stack-record raggiunto da Antonius dopo la manoSicuramente anche questo record sarà destinato a cadere, così come certamente Isildur1 non dimenticherà presto quella notte. D’altra parte, lo svedese stava massacrando da giorni i top regulars della piattaforma e un suo downswing è la naturale conseguenza di queste sfide continue che evidentemente non possono sempre prendere un’unica direzione.
Per Patrik Antonius invece, una volta di più re di questo 2009, l’ennesimo sigillo di una carriera che sarebbe già straordinaria così ed invece è ancora tutta da scrivere.