Gioco legale e responsabile

News

Phil Hellmuth: “potevo comprare Bitcoin a $90, ho perso milioni” ma spunta un nuovo sponsor

Phil Hellmuth racconta uno dei suoi rimpianti più profondi della sua vita extra pokeristica e presenta un nuovo sponsor che opera nelle criptovalute.

Scritto da
14/07/2021 20:03

7.378


L’imbattibile! Prendete pure in giro Phil Hellmuth, nel frattempo lui continua a collezionare braccialetti (15) alle World Series of Poker (nessuno come lui) e che ha appena registrato la sesta vittoria di fila all’High Stakes Duel di Poker Go, senza mai perdere.

phil-hellmuth-kardashan

Phil Hellmuth e una delle sorelle Kardashan in una foto pubblicata sui social

I nuovi sponsor di Phil Hellmuth

Negli USA è un personaggio e Poker Brat ha appena annunciato una nuova partnership con BitCoin Latinum. Poker e criptomonete vanno a braccetto e Hellmuth è uno dei testimonial più in vista.

E’ stato sponsorizzato da qualsiasi azienda negli States, la sua immagine è comparsa anche su una lattina di birra.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Negli ultimi mesi la foto di Phil è stampata su una lattina del suo nuovo sponsor: la bevanda energetica Brèinfúel, “la bevanda cerebrale”, un concentrato bombastico di vitamine. Basta un sorso per stare svegli settimane, non adatta ai deboli di cuore. Fate attenzione ragazzi.

Lasciamo da parte le cugine delle Red Bull e torniamo alle cripto.

Phil Hellmuth e la cricca della Silicon Valley

Come noto, Phil Hellmuth abita a Palo Alto, nel cuore della Silicon Valley. Gioca a cash game con i guru della valle californiana che hanno le tasche piene di dollari e godono di bankroll da favola.

Gente tosta: ingegneri informatici, matematici, fondatori di start up (nel vero senso della parola) che potrebbero condizionare il nostro futuro. Non sempre Phil riesce a spuntarla in queste partite private. I ragazzi non scherzano in fatto di rilanci pesanti. Ma il grado di difficoltà di questi home games non è paragonabile agli high stakes di Las Vegas.

L’unico professionista accettato è Phil, forse perché è divertente ai tavoli e non è così forte come altri cash gamer professionisti.

“Mi proposero di comprare Bitcoin a $90, azioni Amazon, Apple e Tesla”

Durante queste partite si parla spesso di business ed investimenti. In tempi non sospetti a Hellmuth era stato proposto un massiccio investimento in Bitcoin quando valevano solo $90. Il player di Palo Alto però aveva la testa solo sulle carte ed il treno è passato. Da mangiarsi testa, mani e piedi.

Lo rivela a USPoker, in un’intervista esclusiva: ““Seguo il mondo delle criptovalute da quando il mio gruppo di amici ‘padroni dell’universo’ della Silicon Valley mi ha detto di acquistare Bitcoin a $ 90. Mi consigliarono di nuovo di acquistare Bitcoin quando scesero a $ 300 . Purtroppo non li ho ascoltati. Mi hanno anche detto di comprare azioni di Apple, Tesla e Amazon – e non ho ascoltato, oops”.

Sappiamo che Phil ha una gran cervello ma è anche una testa dura e non sempre ascolta gli altri. In questo caso ha perso un’occasione da milioni di dollari.

“I giocatori di poker sono dei ribelli, ma nel modo migliore possibile”

“Penso che i giocatori di poker siano ribelli ma nel modo migliore possibile. La decentralizzazione (tipica di molte cripto, ndr) è un concetto cool e c’è un elemento di libertà associata ad essa. Inoltre i giocatori di poker accettano piccoli rischi”.

Phil crede in futuro che le cripto possano essere uno dei metodi di deposito e cash out più usati dalle poker rooms online.

“Siamo ad un passo da tutto ciò – afferma Poker Brat – con Luxon che è un’ app wallet che consente di processare pagamenti multi-currency. Luxon ci consentirà di depositare e prelevare da tutti i siti di poker e sarà possibile comprare e vendere crypto con la stessa app”.

Phil Hellmuth cita Frank Sinatra: “If I can make it there, I’ll make it anywhere”

Il mondo del poker è super smart e presta attenzione agli sviluppi tecnologici. Ciò è dimostrato dai tanti giocatori professionisti di successo che continuano a fare fortuna con altre attività, incluse le cripto”.

In New York, New York “Frank Sinatra cantava: ‘se posso farcela là, posso farcela ovunque’ Questa frase si sposa per i giocatori di poker professionisti. Spero che il nostro mondo continui a crashare tutto anche fuori dal nostro mondo del poker”.