Gioco legale e responsabile

News

NOOOOO!!! Super Enalotto: legge il giornale e pensa di aver vinto €136 milioni, ma c’è un errore…

Un venditore ambulante abruzzese pensava di aver vinto un super jackpot al Super Enalotto, peccato che il giornale avesse sbagliato a riportare i numeri corretti.

Scritto da
07/01/2022 09:05

1.564


Francesco Ventresca, 83 anni, venditore ambulante di frutta originario dell’Aquila, ha vissuto una delle beffe più atroci per un giocatore: illudersi di aver vinto al Super Enalotto. In realtà…

Dopo una dura giornata di lavoro, prima di andare a dormire, ha controllato su un giornale locale la serie fortunata estratta dei numeri magici del concorso a premi: corrispondevano con quelli della sua schedina. Non avendo né computer, né internet, si è fidato ed è andato a dormire con in mente i suoi numeri fortunati stampati sul quotidiano che riportava anche un jackpot errato: €136,3 milioni.

Superenalotto

Il giorno prima aveva giocato nella ricevitoria 30 numeri in 5 serie, per una spesa di 7,50 euro.

La mattina seguente, dopo l’illusione notturna, però la doccia gelata, quando ha appreso che non era uscito nessun 6. Qualcosa non tornava.

Così la verifica nella sua ricevitoria di fiducia: i numeri riportati sul giornale erano sbagliati. Un classico errore di stampa.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

“Mi hanno detto che non avevo vinto niente. Ho chiesto a mio genero di controllare su Internet e anche lui mi ha confermato che i numeri erano errati”.

La Beffa al Super Enalotto non è l’unica, quella volta al Totocalcio…

Ventresca però ha deciso di rivolgersi a un avvocato per una potenziale richiesta danni. Un errore che, a 83 anni, poteva anche costargli molto in termini di salute.

Ogni mattina si sveglia alle 4 del mattino per gestire il banco frutta del mercato di Sulmona, in provincia dell’Aquila, racconta il Messaggero. “Le mie condizioni di salute sono già precarie, sono costretto a lavorare a 83 anni perché la sua pensione di 650 euro al mese non mi basta neanche per le bollette. Purtroppo il mio banco rende molto poco”.

Purtroppo il destino ha voluto prendersi beffa di lui anche in un’altra occasione: centrai un 13 e dieci 12 al Totocalcio: la mia giocata non era stata registrata nel sistema e la vincita era di 150 milioni di lire. Dovetti rassegnarmi”. 

Tag: