Vai al contenuto

Vincere un titolo SCOOP giocandolo da un bar, anzi, dal proprio bar!

Pochissimi anni fa, esattamente nel 2017, Charlie Carrel ha vinto il Main Event WCOOP giocando da un bar.

Bene… Richard “Girlyjack” Preston ha deciso di fare “level up” e battere a suo modo “Epiphany77”.

Vincere dal proprio bar

Preston ha fatto suo il titolo di SCOOP #30 per un premio da $11.760, il Sunday Kickoff da $11 di Buy In, superando un field oceanico da 14.345 giocatori mentre stava giocando da un bar. 

Il suo bar. 

Mentre lavorava.

Preston vive a Bridlington, stesso paese dell’istrionico John Hesp che qualcuno di voi ricorderà alle WSOP 2017 ( e che il nostro eroe conosce personalmente), sulla costa inglese dello Yorkshire, dove gestisce un Bar-Cafe nella South Beach.

L’intervista

PokerStarsBlog ha incontrato Richard e lo ha intervistato. 

Come ci si sente a vincere un titolo SCOOP su PokerStars? 

“Sorprendente è l’aggettivo giusto. Ho giocato il Day 1 da casa mia, ma gestisco un locale insieme a mia moglie e ho dovuto ovviamente aprire il giorno dopo, sapendo di dover dare un occhio al mio tablet.

I clienti sono stati molto pazienti, anzi, alcuni sono rimasti a vedere come andava a finire e io li aggiornavo passo passo”.

Quando hai capito che lo scenario era di quelli croccanti?

La Deep Run è cominciata a fine Day 1, ma in quel momento davo ad essa poca importanza perché ero impegnato al Bounty Buider dove ho chiuso al nono posto. 

Day 1 e Day 2

Jackie Preston, John Hesp e Richard Preston

Al Kickoff ho invece chiuso la prima giornata 20/48 ed ero abbastanza fiducioso per il Day 2.

Quando il torneo è ricominciato, stavo ancora in cucina a preparare le mie cose e ho perso circa un milione prima di sistemarmi con più calma e sentirmi a mio agio.

Al Tavolo Finale mi son presentato secondo in chips per poi risalire velocemente da 10 a 40 milioni e presentarmi a 4 left con 2/3 delle chips quando i miei Assi hanno retto contro i Kappa di un altro giocatore deep. 

Il resto, grazie al cielo, è stato facile. 

Questo è il risultato più importante della tua carriera?

Avevo vinto $15.000 due anni fa ad un Sunday Warm-Up, ma gestendo questa attività preferisco rimanere coi piedi per terra e fare il lavoro che più mi piace.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Mi piacerebbe andare a Las Vegas, ma quel periodo per noi è davvero impegnativo. 

Piedi per terra

Pensi di poter fare il salto di qualità e diventare professionista? 

Mi piacerebbe, ma il lavoro, lo ripeto, viene prima. 

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

 

Abbiamo parecchi dipendenti e non posso chiudere dall’oggi al domani per inseguire un sogno. Mia moglie Jackie ed io abbiamo una figlia che si sposerà a breve e ho un nipotino che mi toglie ulteriore energia, sono orgoglioso della mia vita da ormai 50enne. 

Fino a poco tempo fa lavoravo dalle 12 alle 16 ore al giorno, l’ho fatto per 20 anni, ma ho imparato solo recentemente a delegare qualcosa agli altri, l’età si fa sentire. 

Quali sono le tue passioni oltre al poker?

Abbiamo una casa a Tenerife e quando vogliamo rilassarci e stare lontano da qui, ci andiamo per vedere un po’ di spiagge. 

Invece, per quanto riguarda oggi, mi dovete scusare, ma ho molto lavoro da fare e vi devo lasciare!

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".