Gioco legale e responsabile

News

ziigmund sul “durrrr’s challenge”

Scritto da
16/01/2009 00:00

4.799


La sfida in heads up lanciata da Tom Dwan sta veramente monopolizzando l’attenzione in questo inizio 2009. Se ne parla davvero dovunque, e praticamente tutti hanno espresso la propria opinione a riguardo. neanche Ilari "ziigmund" Sahamies si è sottratto alla cosa, e ha detto la sua in una videointervista rilasciata ad un canale tv finlandese.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Ovviamente l’intervista è in lingua suomi, ma siamo riusciti a sapere il contenuto della conversazione riguardante Tom "durrrr" Dwan e la sua sfida (si ringrazia highstakesnews.com):

Giornalista: "Cosa pensi dell’ "HU challenge" di durrrr?"

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Ziigmund: Penso che sia una mossa intelligente dal punto di vista di durrrr. Perchè durrrr è sicuramente il migliore al mondo a giocare su quattro tavoli contemporaneamente. Di sicuro qualcuno accetterà la sfida, ma se dovessi scegliere se scommettere su durrrr o tutti gli altri, sceglierei senz’altro durrrr. E’ un giocatore fantastico, e senza alcun dubbio non si tratta di una sfida stupida."

Giornalista: "se dovessi scegliere i tre migliori giocatori al mondo, chi sarebbero?"

Ziigmund: "Sarebbero durrrr, Patrik Antonius e Phil Ivey. Questo vale per l’Omaha, perchè nel No Limit Hold’em il discorso cambia. Lì secondo me Sami "LarsLuzak" Kelopuro è il migliore in assoluto al mondo. In generale, se si pensa a PLO e NLHE insieme, scelgo i primi tre che ho detto."

Nel resto dell’intervista, per la cronaca, Ilari parla della sua trasferta americana per le registrazioni di "High Stakes Poker" (insieme al nostro Darietto Minieri, ndr) ma – come da contratto – non può rivelare nulla di quanto accaduto durante il format tv. L’unico particolare emerso è che, nonostante l’inglese di Ilari lasci un pò a desiderare, durante la trasmissione si è piegato alle esigenze televisive e ha provato ad esprimersi solo in "english", senza incorrere nei famosi "sbrocchi" in lingua suomi a cui si lascia andare ogni tanto sulla chat di Full Tilt