Vai al contenuto

IPT Saint Vincent: Piroddi ed i soliti sospetti assaltano il day 3

Che la si ami o la si guardi con diffidenza, la formula Accumulator continua a consegnarci in vetta al chipcount facce conosciute all’IPT, a cominciare da quella di Federico Piroddi, al comando fra i 55 giocatori ancora rimasti con uno stack di 613.500 fiches.

Alle sue spalle come detto c’è uno stuolo di regular, formato da Riccardo D’Errico, Andrea Dato, Walter Treccarichi, Gianluca Speranza, Dario Sammartino, Luca Franchi e Marco Bognanni: la lista potrebbe essere ancora più nutrita, visto che il field nonostante le eliminazioni eccellenti rimane pieno di volti conosciuti, a livello nazionale e non solo.

Federico Piroddi, in testa con il triplo dell’average (photo courtesy PaganoEvents)

Sono stati infatti eliminati, tra gli altri, Sergio Castelluccio, Luigi Curcio e Carlo Savinelli, mentre rimangono pienamente in corsa per la lotta ai premi e non solo Max Pescatori, Gianluca Trebbi, Gianpaolo Eramo e Salvatore Bonavena, corto con 46.000 fiches ma comunque ancora in gruppo.

Curcio è stato eliminato proprio da Piroddi, nella mano che fra l’altro gli ha consegnato una chipleading che non ha mollato più. Curcio aveva aperto il gioco da early position con a j , e Piroddi aveva difeso il grande buio con k 9 . Il flop era 8 j q , e Piroddi check/raisava il suo avversario, venendo però chiamato. Sul a Piroddi punta di nuovo e Curcio chiama, con il river che fa calare il sipario.

Quando cade il 2 , infatti, Piroddi punta una terza volta, e quando Curcio dopo averci pensato decide di rilanciare all-in non può credere ai suoi occhi e chiama, assicurandosi in questo modo un piatto gigantesco.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Da quest’oggi alle 14:00 riapriranno le danze, e si tratterà tutt’altro che di una formalità visto che il gioco vivrà da subito la fase di bolla: sono infatti 47 i giocatori premiati, ma come d’abitudine in molti punteranno alle posizioni di vertice, quelle che davvero contano in qualsivoglia torneo.

Questa sarà la situazione da cui ripartono i giocatori con gli stack più imponenti: i bui saranno a quota 2.500/5.000 ante 500, con l’average che è fermo a 208.000 fiches:

  1. Federico Piroddi 613.500
  2. Riccardo D’Errico 530.500
  3. Andrea Dato 483.500
  4. Walter Treccarichi 456.500
  5. Mihailis Morozovs 425.000
  6. Marko Mikovic 405.500
  7. Gianluca Speranza 392.500
  8. Alessandro Basile 380.000
  9. Michael Toninello 377.500
  10. Dario Sammartino 374.000

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta