Vai al contenuto

“Mai andare rotti in un piatto limpato”: la dura lezione imparata da James Obst

Secondo la saggezza popolare, nel poker non bisognerebbe mai giocarsi lo stack in un piatto limpato senza il nuts. Chiedere per conferma a James Obst, che ha imparato la ‘lezione’ durante il Main Event delle WSOP 2016 grazie a Valentin Vornicu.

Un piatto per tre

Siamo al Day 4 del Main Event WSOP 2016 e al feature table ci sono parecchi giocatori da tenere d’occhio: Greg Raymer, Ryan Riess e i tre protagonisti della mano di cui parleremo oggi, cioè James Obst (3,4 milioni di chip), Shaun Deeb (1,5 milioni) e Valentin Vornicu (1,6).

Tutti foldano fino a Valentin Vornicu, che con 8 7 decide di fare solo limp da hijack. Shaun Deeb completa con J 9 da small blind e da big blind James Obst decide di vedersi il flop con Q 5 senza investire un gettone in più.

Il flop è 7 8 6 e c’è qualcosa un po’ per tutti: Deeb ha un progetto di scala bilaterale, Obst un progetto di colore e di scala bilaterale e Vornicu la top two pair.

Shaun esce puntando 36.000 chip su un piatto di 87.000, James si appoggia e Valentin fa lo stesso. Il turn ci regala emozioni: 8 . A questo punto, uno dei commentatori di ESPN, Norman Chad, ne piazza una delle sue: “C’è un detto che dice di non andare mai rotti in un piatto limpato: non avevo mai capito perché, ora sì!”

Scopri tutti i bonus di benvenuto

James Obst, quando il colore non basta

Se già il flop aveva alimentato le speranze di tutti e tre i partecipanti al piatto, il turn è qualcosa di pazzesco: Shaun Deeb aggiunge il progetto di scala colore, James Obst ha chiuso colore e pure lui ha un progetto di scala colore, Valentin Vornicu ha completato un full house.

Deeb esce puntando 102.000 chip su un piatto da 195.000, Obst chiama e Vornicu rilancia a 382.000. Shaun sente puzza di bruciato e molla il colpo, mentre James Obst prosegue con un call che finirà per costargli caro.

Il turn, infatti, è un 2 che di fatto rappresenta un blank per i range di entrambi i giocatori. Il piatto vale 1.061.000 gettoni e Valentin Vornicu ne punta 925.000 (rimanendo con circa 300.000). James Obst ci pensa su parecchio ma alla fine chiama, concedendo all’avversari un pot da quasi 3 milioni!

Ecco il video della mano

[youtube]http://youtu.be/VuAFHW1nXKk[/youtube]