Vai al contenuto

Poker live USA, un payout folle: 1 milione di dollari al primo, 280mila al secondo

Se è vero che il poker negli USA non è solo Las Vegas, è altrettanto vero che per attirare il pubblico su altre location non è sempre così semplice. Thackerville è un paesino dell’Oklahoma, abitato a non più di 400 anime, che però ha nelle vicinanze una struttura pazzesca.

Si chiama Winstar World Casinò & Resort, e insieme ad oltre 1500 camere offre uno spazio da circa 150mila metri quadri destinato al gioco. Il rischio, in questi casi, è di avere la “classica cattedrale nel deserto”. Così, per attirare una clientela pokeristica qualificata, dal 2008 il Worldstar organizza le River Poker Series, una kermesse di tornei culminante con il Main Event.

winstar-casino-670

Inizialmente, l’evento principale era un 2.100$ con 3 milioni di dollari garantiti a montepremi. Un’offerta importante, che però è stata sempre a forte rischio overlay: l’incentivo del garantito alto da solo non basta, e se non si attirano grandi nomi è difficile che l’evento possa avere un forte risalto mediatico.

Così, lo scorso anno l’organizzazione decise di cambiare: buy-in aumentato a 2.500$ con possibilità di re-entry, garantito abbassato a 2.500.000$ ma con un’attrattiva in più: 1.000.000 di dollari garantito al vincitore!

Il fortunato player ad accaparrarsi il premio a sei zeri fu Jason Helder, con il runner up Travis Rice che ricevette 340mila dollari. Per la cronaca, terzo giunse Kevin “1SickDisease” Eyster e 13° Joseph Cheong, a testimonianza di una discreta risposta da parte dei top player. D’altra parte, un heads up da oltre 650mila bigliettoni è un’ eventualità invero piuttosto rara per un evento da 2.500$.

Quest’anno l’organizzazione ha deciso di ripetere l’esperienza, e il payout annunciato qualche ora fa è ancora più estremo: 1.000.000$ al vincitore, 279.166$ al secondo!

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Ancora dunque scalini mozzafiato, per un final table che premierà come segue:

  1. 1,000,000$
  2. 279,166$
  3. 185,702$
  4. 134,238$
  5. 108,161$
  6. 93,022$
  7. 79,049$
  8. 58,576$
  9. 44,186$

Il torneo, ha attirato in totale 1118 entries, per un peggioramento di oltre 200 unità rispetto alle 1323 dello scorso anno. Il primo premio pantagruelico ha dunque funzionato poco, ma almeno la risposta dei top player non si è fatta attendere: Fra i 110 (tutti a premio) qualificatisi per il day 2 ci sono Marvin Rettenmaier, David Williams, Oliver Busquet, David Baker e lo stesso Eyster, che tenta di far meglio del già ottimo terzo posto del 2014.

Il torneo si concluderà l’8 settembre, con la curiosità che naturalmente verte su chi si giocherà il pazzesco heads up da oltre 700mila dollari.