Vai al contenuto

Mantenere in vita lo short stack in bolla, è considerato collusion?

Collusion & Co. La scorsa settimana ho avuto l’opportunità di sedermi e giocare un torneo di poker. Ho viaggiato molto sia per lavoro che per una vacanza con la famiglia, quindi era un po’ che non giocavo. Ok, era solo un torneo di una notte da $ 60 di Buy In al mio casinò locale, ma ero comunque entusiasta di tornare in azione. Per destino, nel corso del gioco si è presentato uno scenario interessante, che volevo esplorare più nel dettaglio con voi lettori.

Si può parlare di collusion?

La domanda fondamentale che vorrei affrontare è questa: “Mantenere in vita lo short stack nei tornei di poker costituisce collusion?”

Tenere in vita un avversario in un torneo può sembrare controintuitivo, ma ci sono alcune situazioni, per quanto rare, in cui la sopravvivenza dello short stack può essere vantaggiosa. Ho incontrato una di queste situazioni in questo torneo, che ha attratto 43 giocatori e ha creato un montepremi di $ 2.150.

Ecco la situazione: eravamo rimasti in sei, ma solo cinque sarebbero andati ITM ($ 107,50 per il quinto classificato e $ 967,50 al primo). Il giocatore al posto 10 ed io eravamo i due massive big stack, mentre gli altri quattro giocatori erano estremamente corti con meno di 10 big blind ciascuno.

Era chiaro che tutti gli short stack erano ansiosi di andare a premio, quindi stavano giocando tight aspettando che uno degli altri uscisse. Questo mi ha fornito un’ottima opportunità per accumulare chip e l’ho fatto. Poi, poco dopo aver messo uno degli short stack nelle condizioni di renderlo all in obbligato, la mia curiosità sulla questione relativa al mantenimento in vita di uno short stack, è stata stuzzicata.

All In obbligatorio da Big Blind

Con i bui a 1,000/2,000, il giocatore è stato costretto all in per i suoi ultimi 900 dal big blind. L’azione è arrivata su di me da small blind e non ho potuto fare a meno di chiedermi: sono costretto a giocare o posso foldare e permettere a questo giocatore di sopravvivere, estendendo così la bolla e dandomi più possibilità di accumulare chips?

Il mio pensiero iniziale era che, ovviamente, dovevo chiamare, cosa che ho fatto e successivamente eliminato il mio avversario. Tuttavia, mi sono chiesto se fossi davvero costretto a giocare a quel punto. In questo caso molto raro, posso scegliere di foldare anche se l’importo dello small blind copre l’all-in del big blind? I giocatori di solito hanno tre opzioni preflop: foldare, chiamare o rilanciare, quindi perché la mia opzione di foldare dovrebbe essere improvvisamente tolta, specialmente se sento che è -EV non foldare?

Capisco che foldare in quel punto porterebbe a pensare che sia collusion, che è definita come “un’intesa segreta tra due o più persone per ottenere qualcosa illegalmente, defraudare un altro dei suoi diritti o apparire come avversari sebbene d’accordo“.

Non avevo un accordo con quest’altro giocatore. Ho semplicemente pensato che tenerlo vivo nel torneo, almeno a breve termine, avrebbe giovato al mio gioco a lungo termine. Se avessi avuto una scelta, avrei foldato lì. Tuttavia, le regole sono regole, o no? Ho deciso di presentare lo scenario a tre dei direttori di tornei più rinomati del settore e ottenere le loro opinioni.

I bui sono anche chiamati ‘bui forzati’, quindi penso che se dovessimo cercarlo in un dizionario di poker lo definiremmo come una ‘scommessa forzata’ messa alla ‘cieca’ prima che l’azione inizi, almeno questa sarebbe la mia definizione“, ha detto il direttore del torneo dell‘Hollywood Poker Open Bill Bruce. “Quindi la mia interpretazione sarebbe quella che se tutta l’azione fosse passata al giocatore nello small blind e il big blind fosse all in per un importo inferiore all’importo del big blind, come hai descritto, l’azione/le opzioni sarebbero complete in quel momento e avremmo bisogno di vedere entrambe le mani con il big blind all in e coperte dallo small blind”.

Il parere degli esperti: lo scenario è da collusion, anche se essa non c’è

Ha continuato aggiungendo: “La base principale per la mia decisione è la definizione di bui come scommesse ‘forzate’. In secondo luogo, anche se penso che la prima ragione sia sufficiente, sento che l’azione è completa una volta che il bottone folda e lo small blind ha già un importo nel piatto che copre l’all-in big blind“.

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

Sia Jack Effel che Matt Savage, noti direttori di tornei rispettivamente delle World Series of Poker e del World Poker Tour, hanno fatto eco a questi pensieri, citando preoccupazioni di collusion indipendentemente dalle intenzioni.

Qualsiasi cosa diversa dal girare entrambe le mani e farle finire potrebbe essere considerata una collusion indipendentemente dal motivo per cui vorresti foldare“, ha detto Effel. “Potrebbe essere un amico che non vuoi eliminare e questo un direttore di torneo non lo sa e non lo vuole sapere.”

Sì, secondo me sei costretto a chiamare perché il giocatore è all in senza ulteriori azioni e per regola a quel punto le mani devono essere girate a faccia in su“, ha spiegato Savage. “Se non fosse così, potresti anche pensare ad un atto fatto verso un amico, il che è molto peggio del motivo di cercare di mantenere viva la bolla“.

Lo scenario in cui SB folda apre altri spiragli che, se consentiti, sarebbero davvero negativi per il gioco“, ha continuato Savage. “Ad esempio, un giocatore ha ancora 21.000 e voglio che la bolla continui – o peggio sto cercando di tenere in vita un amico – quindi rilancio a 20.000 e lui va all in e quindi abbandono per 1.000 in più. Ho il diritto di foldare qui?”

Il triumvirato di TD ha confermato quella che pensavo sarebbe stata la risposta tassativa. Sebbene le mie intenzioni di mantenere in vita lo short stack fossero egoistiche al 100%, la decisione di foldare sarebbe stata era troppo vicina alla collusion per essere corretta. Allo stesso modo, se il big blind avesse avuto 1,100 in modo da non averlo coperto, per regola avrei potuto foldare, ma farlo avrebbe innescato problemi di collusion. Gli scenari del torneo, non le intenzioni, a volte possono dettare ciò che costituisce la collusion. È qualcosa che vale la pena tenere a mente.

Chad Holloway, pokernews

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".