Vai al contenuto

Dan Cates: “OtB_RedBaron resta il più forte nel 6-max, Isildur1 non è abbastanza professionale”

Nel corso dell’interessante podcast con Doug Polk, Dan Cates ha toccato tanti argomenti differenti. Dopo averci portato a scoprire il Big Game asiatico fatto di piatti da oltre 50 milioni di dollari, il professionista 28enne ha parlato anche del poker online high stakes.

Qui è dove si è formata la leggenda di “Jungleman12” ed è qui che il campione statunitense ha intenzione di giocare sempre meno.

Infatti, anche per un top player come lui il livello si è alzato troppo ai tavoli nosebleed online. Motivo per cui ritiene che Viktor “Isildur1” Blom sia davvero ottimista a pensare di poter battere gli High Stakes Online…

“Viktor Blom? Non è abbastanza professionale”

Cates si dice sicuro che ormai il livello delle partite high stakes su Pokerstars.com sia il più alto al mondo. Con specialisti preparatissimi come “OtB_RedBaron“, “Fish2013“, “LLinusLLove” e “Trueteller” (solo per menzionarne alcuni), anche i top player di un paio di anni fa rischiano di risultare perdenti sul lungo periodo. Lo stesso Doug Polk ha pensato bene di ritirarsi dal grinding online perché le energie richieste per continuare a vincere erano troppe.

“Il poker sta diventando sempre più competitivo su Pokerstars”, ha detto “Jungleman12″. ” Il livello, per quanto riguarda gli high stakes, è altissimo. Non esistono partite così difficili da nessuna altra parte del mondo. Alla Bobby’s Room il livello è molto più facile. E nel No-Limit Hold’em i regular utilizzano software di supporto che li rendono quasi imbattibili”.

Viktor “isildur1” Blom

Fatta questa premessa, Cates crede che sia da folli mettersi a sfidare i top regular, soprattutto nei Mixed Games. Per questo motivo non comprende la decisione di “Isildur1” di continuare a giocare e swingare milioni di dollari: a quei limiti, contro avversari preparatissimi e supportati da ogni tipo di strumento di analisi, è inevitabilmente il fish del tavolo.

L’ottimismo di Viktor Blom

Isildur1 è molto ottimista se pensa di battere certi giocatori sul lungo periodo. Se potessi, scommetterei contro di lui tutta la vita. Perché? Non è abbastanza professionista per farcela. Non approccia il gioco con l’analisi necessaria per prevalere nelle partite a cui prende parte. Non penso che ci sia alcuna possibilità che lui sia favorito, per dire, contro “RaulGonzalez” nel 2-7. Eppure ci gioca”.

Cates specifica di non avere niente contro lo svedese, anzi: si sente come un fratello maggiore che osserva il fratellino fare qualcosa di stupido e rischioso.

“Io faccio il tifo per lui, ma a volte, quando lo vedo giocare, mi viene da dire: “Amico, che c***o stai combinando?

Bonus immediato di 30€ su Lottomatica, per Poker Scommesse e Casinò. Registrati da questo link e inserisci il codice SUPER30!

multiprodotto_300x250_ita

Bonus poker online
Scopri tutti i bonus di benvenuto

I veri professionisti degli High Stakes Online

OtB_RedBaron

Interrogato sugli altri regular dei limiti più alti online, Dan Cates non può che parlare di “OtB_RedBaron“. Definito da anni “il miglior giocatore al mondo nel 6-max“, il fenomeno belga continua a macinare profitti da capogiro pur ritrovandosi a fronteggiare avversari sempre più forti.

Penso che sia ancora il migliore al mondo nel 6-max“, ha ammesso Dan Cates. “Anche in heads-up è molto forte, ma non posso dirlo con certezza visto che ritengo utilizzi dei programmi di simulazione. In ogni caso, penso che ci siano altri giocatori che lo stanno raggiungendo”.

Timofey “Trueteller” Kuznetsov

Trueteller

Un altro top player degli High Stakes Online, forse anche più impressionante di “OtB_RedBaron” è Timofey “Trueteller” Kuznetsov. Il russo gioca a qualsiasi variante e vince sempre. Live e online.

Penso che Trueteller sia veramente bravo“, ha detto “Jungleman12”. “È davvero bravo considerando che non lavora molto sul suo gioco. Nel 6-max è tra i migliori e inoltre gioca anche in alcune grosse partite in Asia. Ultimamente abbiamo giocato spesso insieme al tavolo dei businessman”.

Dan Cates giudica “Jungleman12”

Infine, Cates parla di se stesso: dove si colloca al giorno d’oggi “Jungleman12” nello scenario High Stakes Online?

Non sto giocando molto“, ammette il professionista 28enne. “Ultimamente ho giocato molto su alcune poker room cinesi. Diciamo che ci sono varianti in cui sono più forte e altre in cui sono meno competitivo. La variante in cui sono più forte oltre a PLO e NLH è il Limit Deuce-to-Seven. Nonostante sia un gioco un po’ banale, dove non c’è molta edge, mi trovo bene. Il gioco in cui sono più scarso è lo Stud Hi. Nello Stud Hi ho sempre e solo perso”.

Iscriviti alla newsletter

Per ricevere tutte le novità (no spam) di assopoker direttamente nella tua casella di posta