Vai al contenuto

Un nuovo, straordinario video con le migliori 5 letture di Phil Ivey

WSOP 2021 Phil Ivey
Phil Ivey (credits: PokerNews)

Le splendide letture di Phil Ivey

Non sono in pochi a considerare Phil Ivey il vero e proprio G.O.A.T. della storia del poker mondiale, vista la sua quasi naturale dote di sottrarre chips ai propri avversari, indipendentemente dal loro livello di abilità e allo stesso modo di fiutare i pericoli di una mano che può andare male, con l’abilità di uno squalo.

PokerStars ha recentemente pubblicato un video su Youtube che mostra la capacità di lettura in alcune mani di Phil Ivey.

Dan Cates

Il quinto posto nel video mostra una mano contro Daniel “Jungleman” Cates. Phil Ivey ha rilanciato in min raise a 40,000 con k q , Cates ha chiamato dal bottone, dominato, con k j e Lo Fung ha fatto lo stesso dal big blind con 10 6 .

Dalle mani del dealer è sceso il flop k 3 j , Ivey ha cbettato per 65,000 che Cates che ha rilanciato fino a 165,000. Lo ha foldato e Ivey ha riflettuto su tutte le sue opzioni prima di mollare piuttosto rapidamente la sua top pair al flop!

Daniel Negreanu ( 1 )

In questa mano, Ivey ha rilanciato a 70,000 con 9 6 dal bottone e Daniel Negreanu ha chiamato con a 4 . Negreanu ha fatto check sul flop 3 q q , Ivey ha testato la situazione con una puntata a 60,000, che Negreanu ha rilanciato a 160,000, ma Ivey ha immediatamente chiamato.

Un 6 a turn ha visto Negreanu fare check di nuovo. Ivey non ha rallentato, bettando 225.000. Negreanu ha chiamato. L ‘8  ha completato il board e Negreanu ha fatto check per la terza volta. Ivey ha puntato 400.000 e “Kid Poker” ha giocato un po’ con le parole prima di chiamare con la mano peggiore.

Mike McDonald

La mano numero tre delle grandi letture di poker di Ivey coinvolge Mike “Timex” McDonald, un altro giocatore che non ha paura di fare grandi call. Ivey ha iniziato il giro di puntate preflop con un rilancio minimo a 16,000 con 9 9 e McDonald ha chiamato con k q .

Il flop j 10 j non ha premiato McDonald ma gli ha aperto un draw di scala bilaterale. Ivey ha fatto check, lasciando McDonald a fissare il prezzo per la prosecuzione del pot a 25,000, che Ivey ha chiamato. Il q è sceso al turn, e Ivey è uscito per 60,000. McDonald ha messo in campo il suo sguardo caratteristico nella direzione di Ivey prima di lanciare le sue carte nel muck nonostante avesse migliorato con la sua top pair.

Scopri tutti i bonus di benvenuto

Daniel Negreanu ( 2 )

Negreanu appare di nuovo contro Ivey in una mano in cui il popolare giocatore canadese ha aperto a 90,000 con 9 6 e Ivey ha chiamato con q 7 . Ivey ha fatto check sul flop 8 j q , aprendo la porta a Negreanu per testare le acque con una puntata di 125,000. Ivey non poteva contare su nessun punto particolare, tuttavia ha spinto per 870,000, azione ha originato il fold di Negreanu. Una mossa rischiosa su un board ricco di draw, ma Ivey sapeva esattamente dove si trovava nella mano.

Doug Polk vs Phil Ivey

PokerStars ha classificato questa mano come la migliore delle letture di poker di Ivey. È un colpo che coinvolge Doug Polk all’Aussie Millions 2015, e inizia con Polk che rilancia a 55,000 con a 4  e Ivey chiama con 10 9 . Un interessante flop 3 10 2  ha regalato a Ivey la top pair ma Polk aveva una overcard più un progetto di scala gutshot.

Ivey ha fatto un rapido check e Polk ha checkato dietro. Il dealer ha messo sul tavolo un 2  al turn e Ivey lo ha onorato con una puntata del valore di 75,000. Polk ha chiamato. Il 6  del river ha mantenuto la mano di Ivey in vantaggio e ha puntato 200,000 su un piatto da 284,000, una puntata più grande che avrebbe potuto rappresentare un bluff, sapendo che Polk probabilmente avrebbe potuto chiamare con gli assi alti del suo range. Tuttavia, Polk ha rilanciato a 580.000.

Non volevo scommettere 200.000, ma 175.000“, ha detto Ivey fissando continuamente lo stoico Polk. Ivey ha pensato per un paio di minuti,. Alla fine, ha chiamato e ha vinto il piatto.

Tratto da Pokernews e Matthew Pitt

"C'è chi pensa che sia impossibile prendere parte a tutti i tavoli finali dei tornei a cui si partecipa. Questo è vero per tutti. Tranne per chi li racconta".