Gioco legale e responsabile

Strategie di Poker

Giocare a Poker fuori posizione è sempre difficile. Ma da Small Blind è pure peggio!

Difendere un range ampio da Grande Buio ha un senso anche matematico. Non si può dire lo stesso da Small Blind che necessita di altri, ulteriori accorgimenti

Scritto da
06/07/2020 17:00

1.103


CONSULTA OGNI GIORNO IL NOSTRO CALENDARIO DEI TORNEI ONLINE: CLICCA QUI

Quanto spesso dovremmo difendere lo Small Blind?

L’ampliamento della difesa del nostro small blind, non può originare lo stesso profitto se dovessimo difendere come difendiamo il grande buio.

La ragione principale è che il costo, o se preferite il prezzo di tale difesa, non è altrettanto giusto, nemmeno se al piatto decide di partecipare anche lo stesso grande buio. 

Immaginiamo di trovarci di fronte a un tentativo di steal da parte del cut-off in un torneo MTT 9-Handed con un valore Ante di circa il 10% delle dimensioni del BB. 

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Una volta che il bottone folda, la palla passa a noi che occupiamo lo small blind e all’unico giocatore che deve ancora parlare, il BB. 

Il call

Per effettuare il call devo mettere sul piatto altri 1,77x, il che originerebbe un pot del valore di 7,6 BB se il Grande Buio decidesse di partecipare alla mano. 

Questo significa che dovrei vincere questo piatto il 22% delle volte per fare break even, già superiore a quel 20% che dovremmo vincere se giocassimo da BB e, nella stessa e identica situazione, se lo SB avesse passato. 

Ma attenzione, è ancora peggio! 

In primo luogo è molto più difficile vincere il 22% delle volte in un piatto a tre, piuttosto che vincere il 20% delle volte in un piatto heads up.

In secondo luogo il discorso è teorico, in quanto non abbiamo la minima idea di come agirà il Grande Buio e se dovessimo rimanere in heads up, quella percentuale diventa 27%!

La terza ipotesi è ancora più negativa per noi, poichè potremmo assistere alla 3-Bet del Grande Buio che potrebbe farci uscire dal piatto e se dovesse arrivare il call ci troveremmo a giocare un pot fuori posizione, contro due avversari e un range piuttosto debole. Non benissimo. 

Per questo motivo il call da piccolo buio con un range ampio non è mai una splendida idea, tutt’altro. 

Piuttosto dovremmo pensare di aumentare il range e quindi la frequenza di 3-Bet da questa posizione.

Quale tipo di mani? 

La maggior parte delle mani trash assolute è da non tenere in considerazione, quindi le mani davvero brutte restituiamole al dealer. 

Ciò significa che le combo rimanenti potrebbero essere suddivise in tre categorie, alte, medie e basse che comunque battono il range medio di lungo termine del Grande Buio. 

Vogliamo ovviamente 3-bettare la categoria di mani più alte, come le coppie maggiori e gli assi di valore. A seconda di tutta una serie di fattori (history, aggressività dell’original raiser, tendenze del BB, stack ecc), possiamo decidere di flattare la porzione media di questo range, le coppie medie da 66 a 99 e qualche Broadway. 

Questo tipo di condotta ci porta a prendere in considerazione l’utilità di una 3-Bet bluff con mani come Ato, A2s, J9s e simili, ricordandovi ancora una volta che le combo al di sotto di questa categoria vanno serenamente foldate. 

Quanto spesso dobbiamo vincere?

La size che vogliamo utilizzare per la nostra 3Bet è di circa 3x l’apertura di villain per cui saliremo a 6,6 con la nostra 3Bet Bluff. 

Ciò significa che il mio bluff da Small Blind dovrà funzionare il almeno il 57% delle volte per fare even nel lungo periodo, ancora una volta superiore al 54% delle volte rispetto a quando lo potremmo fare da BB. 

Non solo, sempre per il discorso di prima, potremmo avere la sfortuna di incappare contro un doppio range di mani medio/forti distribuite a ben due avversari (cut off e BB) e non solo ad uno come saremmo sicuri di avere a che fare se la nostra zione arrivasse da Grande Buio. 

Per questi motivi la 3Bet bluff da Small Blind non avrà mai lo stesso successo, per cui dovremmo essere decisi ad utilizzare un range un po’ più solido di quello che possiamo permetterci da BB. 

Magari, oltre che con mani forti, anche con combinazioni che giocano bene post flop. 

Conclusione

Come potete costatare di persona, tutti i problemi del gioco fuori posizione, da Small Blind vengono ingigantiti a differenza di quando si tratta di agire da Big Blind. 

Le nostre azioni saranno quindi limitate, ma ciò non significa essere estremamente passivi, soprattutto se abbiamo a che fare con un BB che non chiamerà mai una nostra 3-Bet da SB. 

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento