Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

Spin & Go. La costanza nei 2x è una delle chiavi per essere vincenti nel long term

Scritto da
23/01/2019 14:29

2.012


Ci siamo lasciati alcuni giorni fa provando a spiegare la correlazione che esiste tra varianza e vittoria negli Spin & Go su PokerStars, con la seconda proviamo a prendere confidenza col moltiplicatore del Prize Pool che la room propone in modo del tutto random; lo faremo diversificandolo in tre stage distinti. 

Stage 1: Il Downslope (2x Prize Pools)

Abbiamo imparato nella prima lezione che il giocatore vincente degli Spin & Go incapperà durante le sue sessioni in alcuni periodi di fisiologiche sconfitte che altro non sono che il risultato di una partecipazione massiccia ad un numero di Spin & Go con montepremi inferiore a quello che sarebbe normalmente corretto in un Sit & Go standard.

In uno Spin & Go da $7 (per non fare confusione con i dati che l’articolo propone scegliamo di mantenere il Buy-In scelto dall’autore, su PokerStars.it il corrispondente che più si avvicina a questa scelta potrebbe essere quello dal Buy-In di €5), il montepremi più comune è di $14 (2x Prize Pool) e se fossimo costretti a concorrere esclusivamente per questo montepremi, sarebbe praticamente impossibile battere qualsiasi livello, poiché avremmo bisogno di una percentuale di vittoria non inferiore al 50%, praticamente irreale per una struttura 3handed-Hyper Turbo.

Registrati su PokerStars.it e ricevi un bonus di €40 con il tuo primo deposito!


Il sistema di assegnazione casuale del montepremi, invece, ci permetterà di battere ogni livello semplicemente con le nostre capacità di giocatori forti e la nostra esperienza di grinder. 

Ciò che non dobbiamo mai dimenticare, è che un giocatore vincente che gioca una quantità congrua Spin & Go da $7, incontrerà questo montepremi circa 720 volte su 1.000 (su PokerStars.it le percentuali variano di pochissimi punti percentuali per una ragione di rake collegata alla tassazione) e l’obiettivo in questa fase è quello di avvicinarsi e possibilmente superare una percentuale del 35% di vittorie nel long term, in modo tale da ridurre al minimo le perdite che i 2x apporteranno al nostro bankroll, sempre in attesa che PokerStars ci regali la possibilità di giocare con montepremi maggiori, vedremo poi con quale percentuale di uscita. 

La buona notizia di tutto questo discorso è che molti dei giocatori più deboli ignorano le percentuali riferite ai Prize Pools e per questo motivo, poco inclini a rimanere concentrati durante un 2x, cominceranno a giocare in maniera piuttosto avventata che consentirà al giocatore vincente di ottenere percentuali di vincita con montepremi 2x molto maggiore rispetto a quanto sia possibile fare con Prize Pools superiori. 

Stage 2: L’Upslope (4x, 6x, 10x, 25x Prize Pools)

È la fascia intermedia dei montepremi, sono decisamente più rari, ma ancora relativamente comuni e ci capiteranno rispettivamente nel 23%, 7,5%, 5% e 1% dei casi. 

Rappresentano la nostra possibilità di rifarci dalle perdite dello Stage 1 e soprattutto rendono il gioco assolutamente più equilibrato.

Va da sé che nel breve termine esista un grado di varianza causato dalla fluttuazione della frequenza di uscita di questi montepremi più elevati e un ulteriore livello di varianza causato dalla frequenza con la quale riusciremo a vincerli.

È possibile “runnare” bene semplicemente vincendo un’alta percentuale di Prize Pools di questa fascia e questo potrebbe causare una lettura distorta delle nostre skills, ma tutto tornerà in ordine quando avremo un numero significativo di giochi su cui  effettuare le nostre analisi. 

Dobbiamo aspettarci che giocatori occasionali e/o con un’esperienza limitata, giochino in maniera piuttosto tight, e questo ci consentirà di allargare con profitto i nostri range di aggressione ai bui e nel gioco post-flop

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

Stage 3: gli Spikes (120x, 240x, 12.000x)

Rappresentano i picchi maggiormente attesi ad ogni sessione e sono ovviamente i moltiplicatori che rendono eccitante il gioco.

La maggior parte dei giocatori occasionali pensa più o meno così: “a me non succederà mai”, ma se farete degli Spin & Go il vostro Main Game, è molto probabile che un moltiplicatore 120x o 240x possa prima o poi capitarvi. 

Per quanto riguarda le percentuali di uscita stiamo parlando ovviamente di una frequenza pari a: 0.075%, 0,03% e 0,001% che per darci un’idea corrispondono rispettivamente a 75 su un milione, 30 su un milione e 1 su un milione. 

Conclusione. 

Dovreste avere, dopo queste due prime lezioni, una migliore comprensione di quanta pazienza e ottimismo abbiamo bisogno per approcciarci agli Spin & Go in maniera corretta e non casuale, per cui dal prossimo articolo proveremo a tuffarci in quel favoloso mondo che fa capo alla strategia, cominciando ad analizzare le frequenze di apertura in early stage.  

Articolo estratto da PokerStarsschool.com by Pete Clarke

Qui trovi la lezione precedente

Qui trovi la lezione successiva

Qui trovi tutti gli articoli della Guida

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento