Gioco legale e responsabile

Altra Strategia

Guida Spin & Go: come difendere il nostro Big Blind dalle aperture dello Small

Scritto da
31/01/2019 18:30

1.990


Vi abbiamo parlato nella scorsa lezione del comportamento da tenere di fronte alle aperture del bottone quando noi agiremo da Grande Buio. 

In questo articolo cambia l’attacco dal quale dobbiamo difenderci, si chiama Small Blind e agirà esattamente prima di noi. 

Ricordiamoci sempre che in questo primo scorcio di lezioni, parliamo di “Early Stage”, la parte iniziale dello Spin & Go, quando saremo ancora in tre e giocheremo con più di 20 BB.

Segui tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

La difesa contro le aperture dello Small Blind.

Subito il grafico per farvi notare come, rispetto al range di difesa contro le aperture da Bottone, quello contro lo SB tende ad allargarsi leggermente:

 

La posizione cambia ogni prospettiva

La sostanziale differenza rispetto alla lezione precedente è che questa volta giocheremo in posizione nel caso decidessimo di fare call, una posizione che ci permetterà nel lungo periodo di ottenere un profitto che non avremmo se, paradossalmente, giocassimo solo contro il BTN fuori posizione. 

Dovrebbe esservi subito saltato all’occhio la non necessaria spinta in 3-bet per mani molto giocabili come KQ o KJo che ricevono molto spesso un buon aiuto al flop. 

Al contrario proveremo a spingere tutti quegli assi che in caso di Call del nostro rivale, domineranno spesso il loro, accompagnato da un kicker meno forte del nostro, fino a spingere All In le coppie 99-22 e AKo-A8o. Per intenderci tutte le mani segnate in azzurro. 

Registrati su PokerStars.it e ricevi un bonus di €40 con il tuo primo deposito!

 Il range di 3-Bet bluff

Sempre per il discorso legato alla posizione, noterete che le mani che compongono il nostro range di 3-Bet Bluff (quelle segnate in rosso), sono ancora più deboli di quelle del grafico che fa capo al nostro gioco contro il Bottone e sono davvero poche perché abbiamo interesse a guardare il flop più volte possibile senza sprecare tanta EV se decidessimo di foldare troppo spesso. 

Avrete notato che anche in questo caso la scelta di K e Q come blocker, ci aiutano non poco, ma avremo la possibilità di foldare serenamente in caso di 4-Bet All In dei nostri rivali: saremo spesso dominati o partiremo con un grosso svantaggio allo show-down. 

Le 3-Bet per valore 

Molto importante anche la considerazione sulle nostre 3-Bet per valore, quelle segnate in verde chiaro.

Come vedete in questo caso ampliamo il nostro range, soprattutto perché queste mani, se giocate in posizione, assumono una equity che si traduce nel gioco post-flop in una EV molto più alta. 

Per questo motivo siamo molto più contenti se riusciremo ad incoraggiare l’azione con mani di questo tipo, molto di più in una dinamica di Bottone-Small Blind.

Infine, ultima analisi ma non per importanza, in BVB (Blind versus Blind, la lotta dei Bui per intenderci), lo Small Blind sarà portato a difendersi dalle nostre 3-Bet con un range decisamente più ampio, rischiando così di ritrovarsi All-In con mani molto più deboli delle nostre.

Conclusione

Può sembrare molto sorprendente l’allargamento del range di difesa da Small Blind, vi sembreranno fin troppo deboli le mani che utilizzeremo per giocare alcuni colpi in call o in 3-Bet, ma grazie alla profondità di uno stack pari a 25BB, questa strategia funziona decisamente meglio rispetto a chi non si costruisce un range di questo tipo. 

Nella prossima lezione impareremo a fronteggiare le azioni meno aggressive dei nostri rivali, prendendo le contromisure ad un tavolo appena partito in cui si utilizza troppo il Limp. 

Articolo estratto da PokerStarsschool.com by Pete Clarke

Qui trovi la lezione precedente

Qui trovi la lezione successiva

In questa pagina puoi trovare la guida completa

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento