Gioco legale e responsabile

Business

Confiscato impero da 40 milioni dell’ex boss di Full Tilt

Scritto da
22/10/2014 20:03

3.558


Dopo lo scoppio dello scandalo Full Tilt, l’ex amministratore della red room, Ray Bitar, ha conosciuto la dura vita in carcere e una confisca da 40 milioni di dollari. Fondi che il Dipartimento di Giustizia statunitense (DoJ) ha utilizzato per rimborsare i players del sito.

L’ex CEO di Full Tilt è stato condannato a un anno e mezzo, dopo aver rischiato una reclusione fino a 35 anni. La sua collaborazione con le autorità è stata decisiva sulll’ entità della condanna.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.
ferguson-ivey

Una delle pubblicità della Vecchia Full Tilt: in primo piano Chris Ferguson e riflessa l’immagine di Ivey

Bitar possedeva un impero e questo aspetto fa riflettere e continua a porre grossi dubbi sulla legittimità dell’ erogazione dei dividendi che avveniva attraverso le holding di controllo di Full Tilt Poker, ai soci. A discapito dei depositi dei giocatori.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

L’accordo con il DoJ, prevede una confisca di oltre 40 milioni di dollari, in gran parte fondi liquidi distribuiti in 18 conti bancari: 7 in Irlanda, 2 in Scozia, 5 a Malta, 2 in Germania e 2 in Texas (USA).

Bitar ha dovuto cedere inoltre 4 immobili in California, 2 in Indiana e una parte della sua proprietà alle Bermuda.

ray-bitar

Ray Bitar, ex CEO di Full Tilt

Confiscate anche le sue quote in 23 società, tra le quali Tiltware (proprietaria del software di Full Tilt), Pocket Kings ed altre compagnie collegale alla red room. Cedute partecipazioni anche in altre nove società di capitali commerciali, operanti in settori extra gaming. La sensazione è che tra gli 11 imputati del processo del Black Friday, sia stato l’unico a pagare fino in fondo.