Vai al contenuto
resort's word

Tre gamblers famosi (un giocatore di poker) sdraiano quasi $24M al Resorts World di Las Vegas

Ha fatto il giro della Strip la notizia di tre gamblers che hanno perso quasi 24 milioni di dollari al Resorts World Las Vegas negli ultimi tre anni, secondo il tabloid Nevada Current. E’ stata aperta un’indagine sui tre casi, ma l’aspetto “curioso” è che due players sarebbero coinvolti in un’inchiesta di gestione di scommesse illegali di cui vi abbiamo già parlato.

Il collegamento pare diretto al grosso scandalo scoppiato a Las Vegas, con alcuni casinò che riciclavano i proventi delle attività di bookmaking illegale da parte di diversi allibratori privati non autorizzati. Per questa inchiesta sono già saltate teste eccellenti ai vertici delle maggiori catene di hotel-casinò.

Il poker pro Damien LeForbes ancora al centro delle cronache

Uno dei giocatori è stato identificato: si tratta sempre di Damien LeForbes. Come vi abbiamo raccontato nel nostro precedente aggiornamento da Las Vegas, Ssi tratta di un giocatore di poker high roller cash gamer, finito nei guai perché accusato (tutto da dimostrare in tribunale) di aver accettato scommesse in modo illegale. Secondo alcune agenzie federali avrebbe agito da bookmaker non autorizzato e avrebbe avuto un rapporto tutto da chiarire con alcuni casinò. Ed è strano che sia stato comunque citato nel caso del Resorts World.

Secondo il Current, ha perso circa 12,3 milioni di dollari in quasi 50 visite al Resorts World.

LeForbes avrebbe inoltre presentato un assegno scoperto di 2,5 milioni di dollari al casinò.

Damian Lefrobes
Damian Lefrobes alle WSOP (foto Pokernews)

Resorts World: lo scandalo si allarga a un volto televisivo

Ryan Boyajian, che appare nel programma televisivo “Real Housewives of Orange County”, ha perso circa 3,7 milioni di dollari al Resorts World, dopo aver frequentato il casinò la bellezza di 21 volte.

Il terzo giocatore, identificato come Matt Bowyer, un bookmaker californiano: ha visitato il Resorts World 32 volte, perdendo 7,9 milioni di dollari tra il 2022 e il 2023, secondo ESPN.

Bowyer, Boyajian e LeForbes non sono stati accusati di alcun reato, secondo il giornale Current, per quanto concerne il loro rapporto con il casinò Resorts World.

Giocate in modo responsabile

Queste vicende devono, in tutti i casi, a prescindere dalle storie inedite che possono celarsi dietro a queste perdite, fare riflettere tutti i gamblers. Il gioco d’azzardo può essere interpretato come una attività di puro intrattenimento ma con dei limiti: è importante ricordare di giocare in modo responsabile. I giocatori dovrebbero sempre stabilire limiti di tempo e di spesa, e a non scommettere mai più di quanto ci si possa permettere di perdere.

Gioca con responsabilità e divertiti in modo consapevole.

Il caso gravissimo di Bowyer e il furto a un giocatore di baseball

Bowyer è anche collegato al furto di denaro ai danni del giocatore dei Los Angeles Dodgers Shohei Ohtani da parte di Ippei Mizuhara, che in precedenza lavorava come traduttore per la stella giapponese del baseball.

Parte del denaro che Mizuhara ha pagato a Bowyer è finita a Boyajian. Alla fine, il denaro è stato depositato in un conto al Resorts World, secondo ESPN.

In un secondo momento il denaro è stato cambiato in fiches da gioco, che dopo essere state cambiate di nuovo in denaro, sono state trasferite a Bowyer o a un suo associato, secondo ESPN.

Mizuhara avrebbe “rubato” (questa è la versione della pubblica accusa ma il giocatore avrebbe già raggiunto un accordo con i Procuratori) quasi 17 milioni di dollari da un conto bancario appartenente a Ohtani ed è pesantemente indebitato a causa di perdite nel gioco d’azzardo. In totale, Mizuhara ha accumulato debiti stimati a 40,7 milioni di dollari.

È stato licenziato dai Dodgers dopo che il furto è stato rivelato. Ha accettato un patteggiamento in risposta alle accuse di frode e rischia fino a 33 anni di prigione se condannato, secondo ESPN. Mizuhara è stato accusato di frode bancaria e di presentazione di una falsa dichiarazione dei redditi. È stato rivelato che non ha mai giocato al Resorts World, secondo una memoria interna della sala da gioco di Las Vegas ottenuta da Casino.org.

Ohtani non è mai stato accusato di alcun illecito nello scandalo ed è considerato una vittima. Il Resorts World non è al centro di nessuna inchiesta, secondo il Current.

Un portavoce del casinò ha rifiutato di commentare quanto pubblicato dagli organi di stampa. Il casinò ha dichiarato in precedenza di cooperare con gli investigatori.

Diversi casinò di Las Vegas sono sotto indagine

Molti casinò di Las Vegas sono sotto inchiesta per possibile riciclaggio di denaro e altre attività illecite potenziali.

Uno degli enti regolatori che indaga sui casinò è il Nevada Gaming Control Board (NGCB).

Anche gli investigatori federali stanno esaminando le attività nei casinò.

Inoltre, come vi abbiamo spiegato, l’ex presidente del Resorts World Las Vegas, Scott Sibella, è stato oggetto di una denuncia da parte del NGCB per attività risalenti a quando era presidente dell’MGM Grand.

Sibella avrebbe permesso a bookmaker illegali di giocare all’MGM Grand di Las Vegas senza mettere in discussione l’origine dei loro fondi, secondo la denuncia. Il caso si è concentrato sul giocatore Wayne Nix, che deve ancora essere condannato.

Licenziato dal Resorts World a settembre per aver violato la politica aziendale, Sibella ha ammesso di aver violato il Bank Secrecy Act a gennaio. Recentemente è stato condannato a un anno di libertà vigilata e deve pagare una multa di 9.500 dollari, oltre a una tassa speciale di 100 dollari.

MGM Resorts pagherà 7,5 milioni di dollari per violazioni sia dell’ MGM Grand che de The Cosmopolitan, secondo il Current.

In Italia è possibile giocare ai casinò online legali che mettono ai disposizione dei nuovi clienti welcome bonus casino e bonus senza deposito. Qui sotto potete trovare una tabella di confronto delle migliori offerte legali.

COMPARAZIONE BONUS DI BENVENUTO

Editor in Chief Assopoker. Giornalista e consulente nel settore dei giochi da più di due decenni, dal 2010 lavora per Assopoker, la sua seconda famiglia. Ama il texas hold'em e il trading sportivo. Ha "sprecato" gli ultimi 20 anni della sua vita nello studio dei sistemi regolatori e fiscali delle scommesse e del gioco online/live in tutto il Mondo.