GIOCARE PUÒ CAUSARE DIPENDENZA PATOLOGICA IL GIOCO È VIETATO AI MINORI DI 18 ANNI

Informati sulle probabilità di vincita e sul regolamento di gioco
sul sito www.aams.gov.it

Curiosità

Farah Galfond protagonista in Poker After Dark: “anche tu hai le ca**o di dame”?

Scritto da
13/12/2017 17:45

3.250


Farah Galfond fra Bright e Wang

Il nuovo corso di Poker After Dark cerca di attirare il pubblico con ospiti e partite a tema, e stavolta pare averci azzeccato. Farah Galfond è la host principale di due puntate di cash game high stakes, la prima delle quali è già andata in onda.

Già in un’altra occasione vi avevamo raccontato di Farah Fath, ex attrice di soap opera convertitasi al poker e che del giochino ha sposato uno dei massimi esponenti: Phil Galfond.

Farah Galfond e il “soap cash game”

Farah però riesce senza problemi a brillare di luce propria, così non sorprende l’ingaggio per due puntate a lei dedicate. Si intitolano “Games of our lives”, letteralmente “le partite delle nostre vite” ma che in realtà gioca proprio con il titolo di una celebre soap che vedeva la signora Galfond come protagonista: “Days of our lives”, che in italiano venne trasmessa da Rete A e Italia 7 tradotta un po’ a casaccio: prima “Passano gli anni, passano i giorni” e poi il più fedele “il tempo della nostra vita”.

“Games of our lives” ruota intorno a Farah Galfond, unica donna tra 5 uomini:

Il cast di questa puntata: da sinistra Bob Bright, Farah Galfond, Jacky Wang, Bill Klein, Matt Berkey e Bill Perkins

Wang, felicità è giocare 1500x

La partita è un classico high stakes: 200$/400$, con button ante di 400$ e buy-in minimo da 100.000$. Gente come Jacky Wang ama però giocare piuttosto comoda e infatti parte con 200.000$, ma dopo circa 3 ore decide di acquistare altri 400.000$ di posta. Così, tanto per gradire.

La Galfond, Berkey e Bright partono invece con il minimo, mentre Klein inizia con 150.000$ e Perkins con 130.000$. Farah, che già in altre occasioni aveva dimostrato di non avere alcun timore a giocare per cifre a 5 zeri, è subito protagonista.

“Hai anche tu le ca**p di dame?”

In un colpo contro Matt Berkey si ritrova con QQ come Matt Berkey, Matt apre da utg+1 e Farah gioca da small blind, per un colpo aperto da Berkey e squeezato dalla Galfond preflop, dopo l’inserimento di Bright che in seguito se la dà a gambe. Il colpo poi prosegue senza che nessuno dei due convinca l’altro a foldare, e l’esclamazione di Farah Galfond allo showdown rimane la cosa più interessante di tutte…

Bonus immediato di 20€ su Lottomatica, per Poker Scommesse e Casinò. Registrati da questo link e inserisci il codice SUPER20!

“Ok, chiamiamo ‘sto Bitcoin”

Nel corso della puntata ci sono stati diversi piatti grandi, come uno da 170k vinto da Bright su Klein, ma anche altri siparietti interessanti. Ad esempio, in un colpo tra lo stesso Bright e Perkins, poi vinto ancora dal primo con colore superiore. Perkins sta pensando se chiamare la pot sized bet al river da 14.000$ del rivale, quando Farah Galfond esclama “ehi, è quasi un bitcoin!” “Ok, chiamo ‘sto Bitcoin”, esclama Perkins. Ma è un bitcoin perso…

Chi vince, chi perde

Le 5 ore e mezzo di gioco si chiudono con Bob Bright nei panni di miglior vincitore, con un profit di 122mila dollari. Male Bob Klein e proprio Farah Galfond, che risultano i peggiori della sessione. Monster stack per Jacky Wang, ma la maggior parte di quei soldi facevano parte del suo buy-in…

Per guardare le puntate di Poker After Dark è necessario abbonarsi a PokerGo, al costo di 10 dollari al mese.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento