Gioco legale e responsabile

Curiosità

“Avevo il 92% di possibilità di vincere $60.000, poi un Re mi ha condannato”

Il pro americano Johnnie Moreno parla di una mano che non dimenticherà facilmente: aveva il 92% di vincere un Bad Beat Jackpot da $60.000, ma un Re gli ha spento il sogno

Scritto da
12/06/2018 10:00

2.670


Johnnie “JohnnieVibes” Moreno è uno degli youtuber più seguiti in America dagli appassionati di poker. Il player residente in California mostra la sua vita perennemente in giro nelle poker room della West Coast e oltre all’analisi tecnica delle mani che gioca, parla spesso di cosa significhi concretamente essere un professionista del cash game live.

Si tratta di un’esistenza eccitante ma anche piena di insidie e rischi. E soprattutto, è uno stile di vita non adatto a chi non ha un grande autocontrollo, perché la bad beat è sempre dietro l’angolo. Lo dimostra un episodio che ha fatto tiltare persino “JohnnieVibes”, noto e apprezzato per un mindset di ferro.

Johnnie “JohnnieVibes” Moreno

Era una tranquilla sessione al $5-$10 del Commerce Casino

È appena successo qualcosa di irreale“, dice Johnnie nel video. Si trova in una stanza dell’albergo del Commerce, dove soggiorna quando grinda. “Mi ero appena seduto al $5-$10 e spillo q q da UTG. Rilancio a $35 e ricevo un call. Sul flop compaiono a a 6 ed entrambi facciamo check. Sul turn compare un a ”.

Quel terzo Asso significa soprattutto una cosa: c’è la possibilità concreta di vincere il Bad Beat Jackpot.

“Ora ho un fullhouse di Assi e Donne, questo vuol dire che se il mio avversario ha A-6 o meglio ci qualifichiamo per il Jackpot che in quel momento era di $100.000. Io avrei vinto $60.000“.

Il Bad Beat Jackpot sfumato per una carta

Il cuore di Johnnie inizia a battere forte.

“Lui punta $65 e io chiamo pregando che abbia A-6 o meglio”, racconta il pro californiano. “Al river compare un k , quindi ora l’unica possibilità per vincere il Jackpot è che lui abbia A-K. Io faccio check e lui punta $300. Per poter vincere il jackpot devo chiamare. Lo faccio e mostra A-Q“.

Ciò significa che il Jackpot non è stato assegnato: affinché fosse valido era necessario che uno dei due giocatori avesse un poker e l’altro il fullhouse più alto possibile. Con quel Re, invece, non c’era possibilità di qualificarsi per il Jackpot.

“Se il river non fosse stato un Re ma una qualsiasi altra carta del mazzo, avremmo vinto il Jackpot e io avrei incassato personalmente $60.000. Avevo il 92% di vincere $60.000“, dice Johnnie nella camera d’hotel.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

L’importanza del mindset

Si tratta di una circostanza sfortunata, di quelle che rischiano di ossessionarti per anni… Johnnie ne è consapevole e il suo tilt deriva anche dal fatto che mai come in quel momento gli avrebbero fatto comodo $60.000.

“Dai miei video potrebbe sembrare che stia runnando benissimo…. effettivamente ad aprile ho avuto il miglior mese della mia vita”, ammette il pro californiano. “Ma quei soldi li ho spesi tutti. Ho acquistato una Tesla, ho fatto una vacanza e ho messo da parte i buy-in per le WSOP. Quei $60.000 mi avrebbero fatto davvero comodo, mi tremano ancora le mani. Sono in tilt, credo di aver bisogno di un po’ di tempo per stiltare”.

Nonostante tutto, però, “JohnnieVibes” sa che un buon pro è soprattutto colui che sa come dimenticare in fretta ciò che non serve a nulla.

“Quei soldi non li ho vinti, punto. Ossessionarmi sul fatto che avevo il 92% di possibilità di vincere $60.000 non serve a nulla. Non devo permettere a queste cose di condizionarmi, voglio avere un mindset positivo, sempre“.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento