Gioco legale e responsabile

Curiosità

Da Supernova Elite ai due titoli WSOP: chi è Kristen Bicknell, la nuova regina di Macao

Scopriamo chi è Kristen Bicknell, giocatrice di punta del team pro di PartyPoker, ex Supernova Elite, due volte campionessa alle WSOP e neo vincitrice di un high roller a Macao

Scritto da
19/03/2018 12:00

3.667


Negli ultimi anni il mondo del poker è cambiato notevolmente, soprattutto per quanto riguarda le dinamiche dell’online. C’è però un aspetto a cui viene data poca rilevanza nonostante rappresenti una delle notizie migliori per la crescita di questo gioco: il numero di giocatrici professioniste è in netto aumento.

Rispetto a qualche anno fa, quando le uniche vere professioniste note a livello internazionale erano Jennifer Harman, Vanessa Selbst e Annette Obrestad, oggi ci sono decine di donne che si guadagnano da vivere con il poker. Alcune di loro sono volti molto noti tra gli appassionati di poker, e le poker room più importanti del mondo fanno a gara per metterle sotto contratto. Pensiamo ad esempio a Celina Lin, una delle giocatrici più seguite in Asia e team pro di Pokerstars, oppure a Sofia Lovgren e Vivian Saliba, testimonial di 888Poker.

E tra quelle non sponsorizzate troviamo top winner come Loni Harwood (la regina del WSOPc) oppure Maria Lampropulos, capace di vincere il PartyPoker MILLIONS e il Main Event PCA 2018 nel giro di 10 mesi (incassando complessivamente più di due milioni di dollari).

Vivian Saliba, una team pro con una storia simile a quella di Kristen Bicknell

Kristen Bicknell, la regina di PartyPoker

Tra tutte le giocatrici che stanno conquistando il mondo del poker, una delle più vincenti e apprezzate è Kristen Bicknell. La canadese ha già ottenuto risultati di assoluto prestigio (ha due braccialetti WSOP in bacheca) e PartyPoker ha deciso di investire moltissimo su di lei. Il motivo? Kristen non è solo una ottima testimonial per il modo in cui si pone, ma ha anche dimostrato di essere una autentica professionista.

Infatti, quando si parla di sponsorizzazioni, che si tratti di uomini o donne, c’è da fare una distinzione tra coloro che ottengono la patch perché hanno un grande seguito e coloro che invece se la sono “meritata sul campo”. Pensiamo ad esempio a Liv Boeree: l’ex campionessa dell’EPT di Sanremo ha smesso da tempo di mantenersi con il poker giocato, divenendo invece una preziosa testimonial per Pokerstars.

Kristen Bicknell appartiene invece alla più ristretta categoria di poker player capaci di promuovere nel migliore dei modi un brand e al tempo stesso risultare estremamente competitivi al tavolo. La canadese ha infatti un percorso decisamente unico alle spalle, fatto di tanto grinding prima di buttarsi con successo sui tornei live. Una storia simile a quella di Vivian Saliba, se non fosse che la Bicknell ha iniziato come molti colleghi maschi: multitablando online.

Kristen Bicknell

Supernova Elite per tre anni di fila

Fin dal 2008, infatti, Kristen ha giocato intensamente su Pokerstars.com dietro al nickname “krissyb24“. Il suo obiettivo era molto ambizioso: conquistare lo status di Supernova Elite e assicurarsi una rakeback da centinaia di migliaia di dollari.

Nonostante la concorrenza spietata in quel contesto, la Bicknell è riuscita a centrare lo status più alto della picca rossa per ben tre anni di fila. Nel 2010 ha infatti iniziato a grindare pesantemente il NL 200 e nel 2011 ha centrato il traguardo più ambito da ogni grinder. Nel 2012 e nel 2013 ha confermato lo status mentre nel 2014, pur continuato a grindare godendo della massima rakeback, non ha più raggiunto il massimo obiettivo.

Il motivo è di natura personale: Kristen aveva dato tutto grindando online, voleva godersi i profitti ottenuti e provare qualcosa di diverso. Non sapeva che il poker avrebbe avuto un ruolo ancora più centrale nella sua vita.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

I due successi alle WSOP

Dopo aver vinto centinaia di migliaia di dollari con la rakeback grindano online, Kristen ha provato a giocare live. Non aveva intenzione di costruirsi una carriera dal vivo, anche perché prima del 2013 aveva giocato solo occasionalmente, centrando risultati di poco conto in tornei low stakes.

Al suo primo tentativo alle WSOP, è arrivato subito il big shot: la Bicknell si iscrive al Ladies Event da $1.000 e lo vince per $173.922. Questo successo deriva in gran parte dalla grande preparazione tecnica richiesta per essere una mass-grinder vincente al NL 200 e NL 400 di Pokerstars.com. Kristen capisce di avere un edge importante nei tornei grazie al suo background e inizia a giocarli con sempre maggiore costanza, abbandonando parallelamente il grinding online.

Nel 2016 gioca il suo primo main event EPT, a Monte Carlo, dove chiude in 60° posizione per €14.000. Poi dà l’assalto alle WSOP e si mette al polso il secondo braccialetto della sua carriera live: vince un evento bounty da $1.500 di buy-in per $290.768.

Winner Kristen Bicknell

La sponsorizzazione (inevitabile) con PartyPoker

A 30 anni, la Bicknell ha già due titoli delle WSOP in bacheca e un passato da top grinder su Pokerstars.com. Come se non bastasse è di bella presenza (Steffan Sontheimer l’ha definita “la più bella giocatrice del circuito“) ed è molto spigliata davanti ai microfoni, che si tratti di parlare di strategia avanzata oppure della vita del professional poker player.

Con questa premessa, la sponsorizzazione era solo questione di tempo. A porre la patch sul petto della Bicknell è PartyPoker, che punta tantissimo su di lei, sponsorizzandola poco prima delle WSOP 2017. Lei non delude le aspettative: chiude 6° nel Championship 6-max per $96.823 e complessivamente centra 7 piazzamenti a premio durante la kermesse. Poi vola in Brasile e piazza due final table nel WSOP International Circuit.

Una breve trasferta in Europa per l’EPT di Praga e al ritorno in Nord America centra un altro big shot: vince il WPT Five Diamond Poker Classic per $199.840.

Nel mentre, anche un’apparizione a Poker After Dark

Il primo high roller: la vittoria a Macao

Secondo molti pro e addetti ai lavori, il 2018 è l’anno di Kristen Bicknell. La canadese ha iniziato con ben 5 piazzamenti a premio all’Aussie Millions (praticamente in tutti gli eventi a cui ha partecipato fatta eccezione per il Main Event), poi ha sbollato il final table del PartyPoker Latin American Poker Championship di Punta del Este e ieri ha ottenuto la prima grande vittoria dell’anno, che rappresenta anche la seconda vincita più alta: all’APPT di Macao ha trionfato nell’evento da HK$80.000.

Il torneo, il cui buy-in corrispondeva a circa $10.000, vedeva tra gli iscritti alcuni dei più forti torneisti al mondo. Kristen se li è messi tutti alle spalle e ha conquistato un successo importante, impreziosito dallo scalpo finale: neanche il fenomenale David Peters è riuscito a fermarla, ritrovandosi costretto ad arrendersi nell’heads-up finale. Per la giocatrice canadese un primo premio di 279.549 dollari americani.

Il payout al final table (da Hendonmob.com):

  1. Kristen Bicknell $279.549
  2. David Peters $188.767
  3. Klaus Pautrot $122.813
  4. Felix Daniel Schulze $101.642
  5. Hong Zhu $82.003
  6. Matthew Moss $64.658
  7. Yong Wang $49.482
  8. Allan Bedwick $37.239

Il 2018 è l’anno di Kristen Bicknell?

Con questo ennesimo risultato di prestigio, Kristen Bicknell si candida ad essere una delle protagoniste nel poker (non solo quello femminile) del 2018. Dall’alto dei $1.534.002 incassati in carriera nei tornei live, la giocatrice dell’Ontario vuole continuare a vincere e soprattutto a portare sempre più donne ai tavoli.

“Voglio rappresentare le donne nel poker”, ha dichiarato dopo la vittoria a Macao a Pokernews.com. “È qualcosa che mi dà grandi motivazioni, che vanno oltre all’aspetto monetario. Voglio mostrare che le donne sono benvenute in questo settore“.

Una grande giocatrice e una testimonial perfetta per promuovere il gioco del poker. Kristen Bicknell è qui per restare.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento