Gioco legale e responsabile

eSports

MotoGP eSport: Andrea Saveri (AndrewZh) si laurea campione del mondo su Ducati

Il mondiale di MotoGP eSport parla italiano: dopo la vittoria di Lorenzo ‘trastevere73’ Daretti nel 2018, quest’anno trionfa Andrea ‘AndreaZh’ Saveri. Il pilota Ducati si è aggiudicato la competizione con 158 punti, appena due in più del campione uscente.

Scritto da
17/11/2019 10:49

807


Per il terzo anno consecutivo, un italiano ha vinto il campionato mondiale di MotoGP eSport. Dopo le due vittorie di Lorenzo ‘trastevere73’ Daretti nel 2017 e nel 2018, quest’anno il titolo è finito nelle mani di Andrea ‘AndrewZh’ Saveri, pilota della Ducati.

Nel gran final della Global Series a Valencia, ‘AndrewZh’ ottiene due secondi posti che gli permettono di scavalcare il connazionale all’ultima gara, conquistando il MotoGP eSport 2019 con 158 punti, due in più di Daretti e cinque in più dello spagnolo Cristian ‘Cristianmm17’ Montenegro.

 

MotoGP eSport: AndrewZh

Il podio del MotoGP eSport 2019

 

MotoGP eSport 2019: finale all’ultimo respiro

Al Circuit Ricardo Tormo di Valencia, dove in questo weekend corre la versione ‘real life’ della MotoGP, si sono disputate le ultime due gare del MotoGP eSport 2019, che per regolamento hanno assegnato il doppio dei punti ciascuna.

La prima corsa, sul circuito di Philip Island, se l’è aggiudicata ‘trastevere73’, dopo aver centrato anche la pole position, davanti a ‘AndrewZh’ e ‘Cristianmm17’, i tre rivali per il titolo. In virtù di questi piazzamenti, Daretti è passato in testa alla classifica generale con 124 punti contro i 118 di Saveri e i 103 di Montenegro.

Nell’ultima gara del MotoGP eSport 2019 (sul tracciato di Jerez), ‘Cristianmm17’ è balzato subito in testa davanti ai due italiani, rispettivamente Saveri e Daretti. Le posizioni sono rimaste inalterate fino all’ultimo dei 10 giri previsti e grazie a questo 2° posto, ‘AndreaZh’ è riuscito a ottenere i punti necessari a superare ‘trastevere73’, laureandosi campione del mondo.

Sono “solo” videogiochi?

Se pensate che siano ‘soltanto’ videogiochi, vi invitiamo a guardare il video della finale per rendervi conto non solo dell’assoluto realismo del simulatore, ma anche della bravura dei piloti virtuali:

Per la cronaca, anche il montepremi è di tutto rispetto. Il vincitore del MotoGP eSport 2019 ha ricevuto le chiavi di una BMW M135i (del valore di circa €50.000), versione sport della Serie 1 con propulsore a 6 cilindri turbo e 340 cavalli. Daretti si è dovuto ‘accontentare’ di una Yamaha YZF-R3, mentre Montenegro ha ricevuto un notebook Legion Y730 della Lenovo.

Un parterre de roi

Pol Espargaro, Jorge Lorenzo (fresco di annuncio di ritiro dalle competizioni) e Danilo Petrucci sono solo alcuni dei personaggi famosi invitati ad assistere alle finali del MotoGP eSport 2019. A premiare il nuovo campione del mondo, ‘AndrewZh’, ci ha pensato invece nientemeno che Carlos Ezpeleta, CEO di Dorna Sports, la società che dal 1992 gestisce il settore commerciale del motomondiale e dal 2012 anche quello di Superbike, Supersport e Superstock 1000 FIM Cup.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento