Gioco legale e responsabile

Live

EPT Praga 2019: Mateos si prende l’High Roller, quattro italiani al Day 2 del National

Adriam Mateos Diaz piazza la rimonta nel Single Re-Entry High Roller dell’EPT Praga 2019 e si porta a casa vittoria e €177.500. Partito anche il National, con quattro azzurri promossi al Day 2: si tratta di Rocco Criscio, Claudio Di Giacomo, Luigi Guida e Gaetano Gangemi.

Scritto da
08/12/2019 08:44

1.244


L’EPT Praga 2019 entra nel vivo con la prima picca assegnata e lo start di uno dei tornei storicamente più partecipati.

 

EPT Praga 2019 Adrian Mateos

Adrian Mateos

 

EPT Praga 2019 Single Re-Entry €10.000 High Roller

La giornata conclusiva dell’High Roller è cominciata con 27 player a caccia della prima moneta da €177.500 ed un ritmo forsennato. Ne hanno fatto immediatamente le spese Seth Davies e Jimmy Guerrero, eliminati nel giro di un paio di mani; ma già alla prima pausa di giornata da quattro tavoli ne erano rimasti soltanto due.

Qui il ritmo è rallentato consistentemente per un po’, salvo poi assistere ad una sequela di eliminazioni: prima Kahle Burns, poi Michael Soyza e infine Quan Zhou e Yuan Li hanno alzato bandiera bianca a stretto giro.

Matthias Eibinber ha vestito gli scomodi panni dell’uomo bolla, quando il suo A-K è esploso davanti alla doppia coppia di Tsugunari Toma (A-9, con asso al flop e 9 al turn), mentre il primo giocatore eliminato al tavolo finale è stato il russo Arsenii Karmatckii. Anche lui è dovuto soccombere con A K contro la pocket pair di 6 di Anton Yakuba, fortunato ad evitare overcard pericolose.

Quindi è toccato a Orpen Kisacikoglu alzarsi dal tavolo al 7° posto: stavolta Anna Kournikova non è stata soltanto bella, ma anche vincente, perché l’A K di Adrian Mateos dominava il K Q dell’avversario. Un piccolo brivido al flop, con una Q a minacciare lo spagnolo, che però trovava un progetto di colore concretizzatosi al river.

Al 6° posto è uscito il chip leader del Day 1, Tsugunari Toma, il cui A 4 è stato superato dal K Q di Vladimir Troyanovskiy grazie ad un re al flop. 5° piazza per Bertrand ‘ElkY’ Grospellier, trovatosi dal lato sbagliato di un coin flip: A Q per lui, J J per Derek Ip che ha floppato un full house beffardo per il transalpino su board Q Q J .

Adrian Mateos alza (ancora) la picca

Con l’eliminazione di Vladimir Troyanovskiy al 4° posto (pocket pair di 7 per lui, A J di Anton Yajuba e jack al flop), la fase a tre è cominciata con un sostanziale equilibrio, rotto quando Derek Ip ha chiamato la four-bet in shove di Mateos investendo i suoi resti con J J .

Lo spagnolo ha mostrato A Q , mano premiata da una Q al turn dopo un flop bianco e seguita da un river ininfluente, presentandosi all’heads-up con Anton Yakuba con uno stack doppio rispetto al suo avversario.

Il testa a testa si è risolto in maniera tanto brusca quanto inaspettata. In quella che sembrava una classica mano di passaggio, Yakuba ha fatto limp da bottone trovando il check di Mateos. Su flop 9 6 2 , Mateos ha fatto check-raise e il russo ha deciso di chiamare.

Al turn, un 4 , lo spagnolo è uscito in puntata e Anton ha fatto nuovamente call, per vedere un A comparire al river. Qui Mateos ha mandato la vasca e Yakuba ci ha pensato parecchio prima di chiamare. Lo spagnolo ha mostrato 4 2 , una doppia coppia, e il russo è stato costretto a mostrare un misero K Q con cui ha consegnato la vittoria a Mateos.

Per il fenomeno iberico si tratta della sesta vittoria in un torneo EPT che lo avvicina alla soglia dei 20 milioni di dollari in carriera.

Segui  tutte le notizie sul mondo del poker 24 ore su 24 sulla pagina Facebook AssoNews. Metti like alla nostra pagina!

EPT Praga 2019 Single Re-Entry €10.000 High Roller: payout del final table

  1. Adrian Mateos Spain €177.500
  2. Anton Yakuba Russia €128.400
  3. Derek Ip Hong Kong €82.840
  4. Vladimir Troyanovskiy Russia €62.720
  5. Bertrand Grospellier France €48.520
  6. Tsugunari Toma Japan €37.870
  7. Orpen Kisacikoglu Turkey €30.180
  8. Arsenii Karmatckii Russia €23.670

EPT Praga 2019: EPT National Day 1A

L’EPT National da €1.100 parte col primo dei tre Day 1 previsti e subito 624 ingressi. 94 i player superstiti, tra cui quattro italiani: Rocco Criscio è il migliore con 280.000 chip, ma anche Claudio Di Giacomo si è difeso alla grande con 228.000;  avanzano pure Luigi Guida con 121.000 e Gaetano Gangemi con 83.000.

Ahinoi, è molto più lunga la lista degli azzurri eliminati nel Day 1A:

  • Agatino Spitaleri
  • Andrea Salamone
  • Claudio Baldini
  • Daniele Dangelo
  • Devis Cavina
  • Enrico Landi
  • Francesco Carbone
  • Franco Polidori
  • Giorgio Marletta
  • Giuseppe Ditaranto
  • Giuseppe Ruocco
  • Guido Presti
  • Lorenzo Faro
  • Luigi De Carli
  • Marco Regonaschi
  • Maurizio Maiorano
  • Nicola Benedetto
  • Pasquale Braco
  • Raffaello Locatelli
  • Teresio Ciancanelli
  • Tommaso Serratore

Questa la top ten del chip count:

  1. Andrew Hulme UK 551.000
  2. Andrej Desset Slovakia 545.000
  3. Alexis Rozenblat France 532.000
  4. Narcis Nedelcu Romania 525.000
  5. Danilo Velasevic Serbia 499.000
  6. Jan Bednar Czech Republic 457.000
  7. Jose Quintas Portugal 432.000
  8. Nikita Kuznetcov Russia 431.000
  9. Erwann Pecheux France 408.000
  10. Jakob Madsen Denmark 377.000

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento