Gioco legale e responsabile

News

Alec Torelli dalla zona rossa lancia una petizione per fermare le WSOP: “Sarebbero un disastro, fiero di trovarmi in Italia!”

Da un mese in Italia, in isolamento forzato a Cremona a pochi chilometri da Codogno, Alec Torelli lancia una petizione per fermare le World Series Of Poker e sensibilizzare gli americani sul Coronavirus, etichettato come pandemia dall'Organizzazione Mondiale della Sanità.

Scritto da
12/03/2020 21:00

2.599


Sarà che a osservare l’erba del vicino la sensazione è che sembri sempre più rigogliosa della nostra, ma in circostanze di emergenza come quelle che si stanno verificando in questi giorni è bene fare un passo indietro è guardare tutto con maggiore obiettività.

Perché se è vero che l’Italia si trova a fronteggiare una situazione che può mettere in evidenza le criticità del sistema sanitario nazionale, è altrettanto doveroso considerare che paesi come gli Stati Uniti, dove la sanità è privata, non garantiscono le stesse certezze a cui siamo abituati dalle nostre parti.

Fiero di trovarmi in Italia

Alec Torelli non fa mistero di ciò e nonostante si trovi in isolamento forzato da circa un mese, presso la sua abitazione a Cremona, si dice orgoglioso di quanto stia facendo l’Italia per i suoi cittadini:

Sono estremamente orgoglioso di trovarmi in Italia, un paese dove il governo si interessa delle persone e cerca di fare il meglio per prendere misure proattive e proteggere i cittadini.

Così come sono orgoglioso delle persone che mettono in atto le direttive del governo e praticano l’isolamento sociale. Siamo tutti uniti a combattere questa battaglia.

Molti italiani pensano che negli Stati Uniti tutto funzioni meglio ma per certi aspetti è esattamente il contrario. Dalla cultura alle problematiche sociali, passando per assistenza sanitaria e spirito di comunità sono decisamente meglio qui. Onestamente, in un periodo come questo, non vorrei essere altrove che in Italia.”

La petizione per fermare le WSOP

Negli ultimi giorni Alec ha dedicato ampio spazio al tema più caldo da un mese a questa parte, la pandemia di Coronavirus che dalla Cina è arrivata fino a noi, spiegando attraverso un video gli effetti della crescita esponenziale e le terribili conseguenze per la popolazione mondiale.

Ecco il messaggio con cui Alec invita le persone ad aderire alla sua protesta contro le WSOP in programma quest’estate:

Crediamo che i governi, le aziende e le organizzazioni debbano mettere al primo posto la sicurezza e la salute della popolazione rispetto agli interessi economici.

Noi, come comunità pokeristica, chiediamo alle World Series Of Poker che le Series estive vengano cancellate o posticipate per prevenire la diffusione del Covid-19 e limitare l’onere al sistema sanitario pubblico nazionale.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

CLICCA QUI per leggere e sottoscrivere la petizione di Alec Torelli contro le WSOP

L’America sta a guardare

Da quando è arrivato il decreto del governo la mia vita quotidiana non è cambiata di una virgola rispetto alle scorse settimane. 

Sono in isolamento sin dal primo giorno in cui l’epidemia è esplosa e non ho avuto nessun contatto con altre persone.

E’ questo l’unico modo per contenere una crescita esponenziale e ritardare il più possibile gli effetti sul sistema sanitario nazionale che difficilmente riuscirebbe a farsi carico di una situazione di emergenza.

Faccio tutto questo per responsabilizzare le persone, ho pubblicato alcuni articoli sul mio blog – Consciouspoker.com – e ho dato l’allarme su Twitter. 

Il governo americano sta prendendo la questione sottogamba senza alcuna prova ed è per questo che mi sono schierato apertamente contro le WSOP, già da ora. 

Immaginate se gli Stati Uniti autorizzassero una manifestazione simile, dove persone provenienti da tutto il mondo possono riunirsi in posti affollati col rischio di diffondere rapidamente il virus e riportarlo nei loro paesi di provenienza. Sarebbe una disgrazia!

Chiedo agli italiani il massimo supporto affinché questo non accada, occorre sensibilizzare l’opinione pubblica su questi temi per prevenire una catastrofe.”

E voi che ne pensate dell’iniziativa di Alec Torelli? Fatecelo sapere lasciando un commento sulla nostra Fanpage!

Se vi siete persi la volta in cui Alec Torelli piombò a casa di un ricco businessman assieme a Tom Dwan per giocare heads-up dal vivo CLICCATE QUI

Photo Courtesy: Alec Torelli

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento