Gioco legale e responsabile

News

Andrea Bettelli: “Costretti a offrire tornei live solo all’estero. L’Italia nel 2019? Navigare a vista”

Tra un mese vedremo per la prima volta un IPO fuori da Campione d'Italia, a San Marino. Andrea Bettelli ci racconta speranze e prospettive per il 2019, della sua "creatura" ma anche del poker live italiano.

Scritto da
07/12/2018 21:50

1.183


Andrea Bettelli

La sua figura è strettamente legata a un brand di enorme successo nel poker live italiano, come l’IPO. Andrea Bettelli è però diventato un personaggio chiave nel settore grazie alla sua esperienza al Casino di Campione d’Italia, anche se i nuovi percorsi lavorativi lo avevano già portato altrove ben prima che il casinò chiudesse i battenti. Ma è davvero la fine per il poker in riva al Ceresio? Lo scopriremo in questa chiacchierata, che parte dalla nuova sfida dell’IPO ma tenta di abbracciare un po’ tutto il momento del settore, in Italia.

Andrea Bettelli e un IPO tutto nuovo

Si diceva dell’Italian Poker Open e della novità annunciata da pochi giorni. Per la prima volta dopo 27 edizioni l’IPO trasloca e prova a misurarsi con altre realtà, con altre location. La nuova edizione si svolgerà al Best Western Palace di San Marino. Non si tratta di un casinò, ma questo non è un problema, per Bettelli: “Grazie alla recente legislazione sammarinese, che permette di ospitare eventi anche fuori dall’ente giochi, è stato possibile scegliere questa location che ha tutte le carte in regola per ospitare un IPO: 92 camere, tutti i comfort, ampi spazi per il gioco e una sala convegni che si avvicina a quella del nono piano di Campione”.

San Marino può diventare la nuova casa dell’IPO?

Diciamo che gli indicatori di interesse ci sono tutti per fare un evento ormai consolidato da grandi numeri. Posso dire di essere estremamente soddisfatto per la location, per la puntualità con cui stiamo sistemando tutti i dettagli e per la più totale disponibilità e professionalità dimostrata dalla Giochi del Titano, che è il partner tecnico dell’evento.

Rispondere alla tua domanda è difficile e lo scopriremo solo alla fine delle registrazioni, anche se il numero spesso non è cosi decisivo nel giudizio finale, spetta sempre ai giocatori l’ultima parola. Va detto che questa location non è interna ad un casino, ma in una bellissima sala conferenze di una struttura alberghiera, pertanto non potrà essere sempre disponibile, ma soltanto per appuntamenti “a shot”.

Finalmente 888, la seconda Poker Room online a livello mondiale è arrivata in Italia. Registrati subito! Per te un Bonus immediato di 8 euro senza deposito e Freeroll giornalieri da 5000 euro.

Un futuro a Campione: utopia o possibilità?

Un paio d’anni fa avresti mai pensato di vedere l’IPO lontano da Campione?

No, e se devo essere sincero io in cuor mio spero di poterlo riproporre ancora a Campione. Se so qualcosa che voi non sapete? No, è solo un auspicio perché Campione d’Italia è il posto in cui ho vissuto molti anni. Non sono mai stato dipendente del casinò ma conosco moltissima gente che si è ritrovata senza un lavoro, e a loro va tutta la mia solidarietà. Sono comunque fiducioso sul fatto che il Casinò riaprirà presto. Detto questo, se ci saranno le condizioni e la volontà di organizzare eventi importanti, io non mi tirerò sicuramente indietro.

Ma l’IPO non potrebbe essere un “bingo” anche per San Marino?

Location e territorio sono indiscutibilmente top. Inutile nasconderlo, siamo a pochi passi dalla riviera adriatica, dove non manca nulla. Certo, visto il periodo non sarà proprio il momento del bagno al mare, ma per quello possiamo attendere luglio. L’IPO porterà sicuramente tantissima gente e di conseguenza una forte ricaduta sul territorio. Un conto sono 300 persone, un conto è quando ne smuovi più di 2000.

Hai detto 2000. Posso prenderla come una previsione?

Diciamo che tra 1500 e 2000 entries mi riterrei molto soddisfatto, andare oltre significherebbe abbattere il record di presenze delle edizioni di Gennaio e, considerata la prima volta a San Marino, sarebbe per tutti una bella gratificazione.

Un’altra foto che ritrae Bettelli al tempo in cui era CEO del Campione Poker Team

Poker live: sempre più Euro, sempre meno Italia?

Nel frattempo è nata EuroRounders. Un caso che nome – e respiro – siano europei, oppure vi siete adattati alla situazione italiana?

In verità quando sono entrato nel gruppo con Antony e Lele (Angeloni e Sgherza, ndr) loro già operavano esclusivamente fuori dal territorio italiano: Nova Gorica, San Marino, Spagna, Bulgaria e ora anche Repubblica Ceca grazie a un ottimo rapporto con il King’s di Rozvadov. Come ha già spiegato Antony, EuroRounders presenterà a breve il calendario 2019, e ogni proposta o nuova proposta sarà molto interessante.

Purtroppo la situazione italiana non aiuta, ed è per questa ragione che tutte le operazioni sono solo su estero. Il motto per il 2019, per quanto riguarda il live italiano, non può che essere “navigare a vista”.

Chiudiamo ancora con l’IPO. Sei un po’ in tensione come una “prima volta”?

Tensione no, ma voglia di fare le cose per bene sì. La vera mission è quella di ricreare l’atmosfera tipica dell’IPO e contiamo di riuscirci. Non sarà semplice, ma ce la faremo.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento