Gioco legale e responsabile

News · Scommesse

Betting News: ore decisive in Commissione Bilancio per il betting exchange che è cresciuto del 12%

La nostra rubrica (in aggiornamento live) su tutte le news in tempo reale del settore delle scommesse.

Scritto da
10/12/2020 19:15

2.830


In Commissione Bilancio la votazione degli emendamenti: per l’exchange ore decisive

A seguito della decisione del TAR del Lazio di revocare l’ordinanza sospensiva (ne parliamo in un aggiornamento qui sotto) sul ricorso di Betair e Betflag in merito all’applicazione della super tassa del “Salva Sport” (pari allo 0,50% della raccolta), sono giorni-ore decisivi per il Betting Exchange in Italia, in attesa dell’udienza di aprile nella quale si discuterà nel merito.

Come vi abbiamo informato, sono stati presentati due emendamenti, uno in Senato e l’altro alla Camera, nelle due rispettive Commissioni Bilancio, che specificano – dal punto di vista tecnico – l’applicazione della super tassa sulle “commissioni” e non sui volumi di gioco. In questo modo, l’applicazione corretta del prelievo sarebbe tecnicamente compatibile con la “struttura” del Betting Exchange. Nel caso contrario tale business non sarebbe più economicamente sostenibile.

In queste ore devono essere votati gli emendamenti in Commissione Bilancio e Finanze del Senato, compreso l’emendamento dell’exchange, la cui votazione è inserita nell’ordine del giorno.

Nei primi 11 mesi dell’anno le piattaforme di scommesse hanno registrato una spesa complessiva di 9,3 milioni di euro. Nello stesso periodo del 2019 era stato di 8,3 milioni di euro. Il balzo in avanti è stato del 12%.

Gamenet acquista anche Lottomatica Scommesse e diventa il primo bookmaker italiano

Gamenet Group ha acquistato da IGT il 100% di Lottomatica Scommesse e Lottomatica Videolot per 950 milioni di euro (fonte Sole24 ore). L’incorporazione totale dei due asset avverrà entro il primo semestre del 2021. Si attende la luce verde da parte dell’ Antitrust e dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli.

Secondo rumors, nel pacchetto rientra anche la sezione online di Lottomatica.

Gamenet Group nasce dalla fusione tra il bookmaker Intralot Italia e Gamenet Spa nel luglio 2016

Nasce il primo operatore italiano del mercato del gioco legale, leader in tutti i principali segmenti di attività, dal gaming online alle scommesse sportive, agli apparecchi da intrattenimento. Nel 2018 Gamenet Group acquista Goldbet per dare vita alla più importante società di betting in Itaia per numero di negozi terrestri.

Gamenet Groupappartiene a Gamma Bidco Spa, newco costituita da fondi di investimento che fanno capo a Apollo Management IX L e Apollo Global Management, società quotata a New York.

Secondo Repubblica, nel 2019 Apollo gestiva 331 miliardi di dollaari di fondi di private equity, creditizi e immobiliari.

Ci risulta che questa operazione non sarà l’ultima nel 2021 nel settore delle scommesse in Italia ma ci sono rumors insistenti anche su altri due importanti bookmakers.

 

5 dicembre 2020

Tar Lazio rinvia la discussione nel merito ma revoca le esigenze cautelari: la tassa dovrà (per ora) essere pagata

Il ricorso da parte dei bookmakers e delle società di betting exchange come Betfair e Betflag è stato discusso nelle udienze del 2 e 4 dicembre di fronte al Tar del Lazio.

I giudici amministrativi hanno rinviato la discussione nel merito al 14 aprile ma non ha riconosciuto i presupposti delle esigenze cautelari: pertanto l’ordinanza sospensiva è venuta meno e sia i bookmakers che gli exchange dovranno pagare, fino ad aprile, la tassa dello 0,5% della raccolta che andrà ad alimentare il fondo Salva Sport.

Per i giudici la tassa è necessaria proprio per salvare lo sport in Italia. A leggere le motivazioni (molto contraddittorie) sembra più una sentenza “politica” che tecnica che si basa su fondamenti legali.

Come noto, per l’exchange, la tassazione supera i profitti registrati dalle piattaforme. Un’assurdità palese.

Per ogni commento della sentenza, con la lettura delle motivazioni, rinviamo ad un prossimo articolo di approfondimento.

Flutter (Betfair-PokerStars): super investimento negli Stati Uniti

Peter Jackson (Ceo Flutter) l’ha annunciato ieri con un’email agli azionisti e dipendenti: Flutter Entertainment (holding che controlla Betfair, Pokerstars, Paddypower) ha deciso di rilevare da Fastball un ulteriore 37% del bookmaker statunitense Fanduel per 4,18 miliardi di dollari (2,09 miliardi cash). In questo modo Flutter passa dal 57% al 95% ed il titolo in Borsa vola.

Betting Exchange: l’emendamento sarà votato alla Camera in Commissione

L’ emendamento “salva” Exchange sulla Super tassa (puoi leggere più avanti) è nell’ordine del giorno nella Commissione Bilancio della Camera e sarà votato a breve. Una buona notizia per gli appassionati della modalità che prevede lo scambio scommesse tra giocatori.

Bonus Scommesse

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

3 dicembre

Betting news: Zidane verso l’esonero, per i bookies sarà Pochettino-Allegri

Per la stampa spagnola Zinedine Zidane è vicino all’esonero dal Real Madrid e per i bookmakers sarà una volata a 3 tra Mauricio Pochettino (favoritissimo ma conteso anche dal Manchester United), Raul e Max Allegri.

Zidane paga la doppia sconfitta con l’Alaves (in casa) e in Champions League contro lo Shacktar.

Pochettino è in pole position per Betfair e Paddypower alla pari (quota 2).

Raul è il secondo candidato più forte a 4,5 volte la posta.

Su Max Allegri per Betfair è in lavagna a 4, sul book irlandese invece a 8. Leonardo Jardim e Guti sono più distanziati.

Agenzie scommesse: tutto chiuso! Continua il blocco “ideologico” del Governo Conte

Se in Gran Bretagna riaprono i betting shop, in Italia la sensazione è che siamo ancora in alto mare, per via di un divieto motivato da questioni più “ideologiche” e politiche. L’esempio inglese è chiaro: gli scommettitori potranno entrare nei negozi e stare al massimo per 15 minuti (massimo 2 volte al giorno). Volendo si può quindi trovare il compromesso che può salvare un’intera categoria. Nel nostro paese neanche si accenna ad una riapertura per le  agenzie di scommesse, sale giochi, bingo, slot e VLT. L’ultimo DPC dovrebbe essere pubblicato nelle prossime ore, la categoria del gioco terrestre non è stata neanche presa in considerazione, rispetto ad altre categorie come quella della ristorazione e degli hotel. Dovrebbero riaprire nel week end anche i centri commerciali. Quindi? Quello delle agenzie pare un blocco prettamente ideologico derivante dalle convinzioni dei partiti che fanno parte della maggioranza e che hanno sempre sostenuto politiche contro il gioco legale.

Le chiusure delle agenzie continuerà a favorire il gioco clandestino. Forse si riparlerà di riaperture delle sale concessionarie a metà gennaio, ma al momento pare solo un’utopia.

Nel frattempo, nel 2020, lo Stato italiano perderà 5 miliardi di euro di gettito derivante dai giochi.

 

Betting Exchange: anche alla Camera presentato l’emendamento pro Exchange

L’onorevole Mauro D’Attis di Forza Italia ha presentato un emendamento (al decreto Ristori) identico a quello presentato dal Senatore Gianni Pittella in Senato che disciplina in modo corretto la tassa del Fondo Salva Sport per il Betting Exchange (la nostra è solo una valutazione tecnica).

Il particolare che non può sfuggire è che il deputato D’Attis è membro della Commissione “Bilancio, Tesoro e Programmazione” alla Camera, proprio come Pittella (Partito democratico) in Senato. Si tratta di un’azione molto probabilmente coordinata per risolvere, dal punto di vista tecnico, un problema che – in caso contrario – renderebbe inapplicabile la tassa del Fondo Salva Sport, con ripercussioni importanti sul gettito.

Il Governo ed il Ministero dell’Economia e Finanze si sono resi conto dell’errore e, grazie alla collaborazione con le Commissioni Bilancio delle due camere, stanno rimediando con una interpretazione ad hoc per l’Exchange (scambio scommesse tra giocatori).

L’emendamento è stato presentato alla vigilia dell’udienza (prevista per oggi) al TAR Lazio su ricorso di Betfair (ed un secondo è stato presentato da Betflag). I giudici amministrativi avevano già sospeso la nuova tassa, in attesa di discutere nel merito. E l’udienza di merito non può che riscontrare l’inapplicabilità tecnica di un prelievo calcolato sulla raccolta con il Betting Exchange. Ma tra poche ore potremmo conoscere le decisioni dei giudici amministrativi.

Seguono aggiornamenti