Gioco legale e responsabile

News

Dan Cates: “non solo poker nella mia vita. Cucina, musica e tanta beneficenza”

La pandemia ha cambiato Dan Cates. "Jungleman12" in era Covid ha provato nuove esperienze, senza mai mettere da parte il poker. Quest'ultimo però non è più una priorità dell'americano che nell'intervista a Super Poker ha parlato dei suoi progetti nel presente e nel futuro prossimo. Dalla cucina alla danza, dalla conoscenza di nuove persone, fino alla costruzione di progetti benefici come la scuola fondata a Zanzibar pochi giorni fa. 

Scritto da
15/02/2021 14:00

935


Dan Cates: aprirsi a nuovi mondi

E’ un Dan Cates a 360 gradi quello che si concede nell’intervista al noto sito brasiliano dedicato al poker. Il noto player high stakes spiega cosa ha fatto e cosa sta facendo ai tempi della Pandemia.

I primi giorni sono stati sicuramente i più duri. Quelli del lockdown, fra pessime notizie che arrivavano dal mondo esterno e l’incapacità di comprendere bene quello che stesse succedendo. Poi mi sono detto che quei giorni forzati di clausura potevano essere lo stimolo per aprirsi a nuovi mondi e nuove esperienze“.

Dan Cates

Ho creato un team di lavoro con alcuni ragazzi che collaboravano con me da tempo. Da loro ho appreso lezioni di cucina, lezioni di ballo, corsi di comunicazione e molto altro ancora, fra cui alcune sessioni da DJ in consolle con dirette streaming. Mi sono trasferito per qualche settimana a Londra, appena sono stati riaperti i collegamenti aerei con gli USA e qui ho radunato il mio team. Devo dire che in cucina sono migliorato tantissimo grazie a questi ragazzi e anche nel ballo me la cavo alla grande“.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

Dan Cates: il duro dal cuore grande

Dan Cates, nel corso degli anni, è sempre stato stato visto come un duro nel mondo del poker. Uno che non la ha mai mandate a dire ad alcuni rivali, con un carattere esplosivo e certe volte “rissoso”. Eppure il buon “Jungleman12” ha stupito tutti negli ultimi mesi. Ha abbracciato diversi progetti dedicati alla beneficenza, fra cui l’apertura di una scuola a Zanzibar avvenuta pochi giorni fa.

Nel periodo in cui ero a Londra mi è stato chiesto di mettere in piedi un mega party esclusivo per quando sarebbe terminata la pandemia. Una sorta di evento per festeggiare la fine di un incubo, ovviamente in un luogo esotico e spettacolare. Dopo qualche ricerca, la mia scelta è ricaduta su Zanzibar nell’oceano Indiano, davanti all’Africa. Avevo però bisogno di qualche contatto per sondare il terreno e scegliere la miglior location possibile. Così un giorno a Londra ho incontrato una donna che avrebbe dovuto aiutarmi nel reperire informazioni“.

Sta di fatto che il nostro incontro ha avuto un risvolto incredibile, spiega Dan Cates. La signora mi ha spiegato che lei è molto legata a Zanzibar e ogni anno contribuisce ad eventi benefici a favore di una delle popolazioni più povere al mondo. In quei giorni stava cercando di reperire nuovi fondi per portare a termine la costruzione di una nuova scuola proprio sull’isola di Zanzibar. Con lo scoppio della Pandemia, sia i lavori e sia i flussi di denaro a favore della scuola si erano bloccati“.

Dan Cates il giorno dell’apertura della nuova scuola a Zanzibar

Non ci ho pensato due volte: niente ricerca di location per il party, ma una mega raccolta di soldi per completare l’opera. In poco tempo abbiamo messo assieme la cifra che serviva per far ripartire i lavori e pochi giorni fa sono volato a Zanzibar per assistere all’inaugurazione della scuola. Una soddisfazione unica e che mi ha riempito di gioia. Adesso abbiamo altri progetti benefici in Ghana, Senegal e Messico. Aiutare gli alti è diventata la mia missione“. 

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Dan Cates: il poker ha bisogno di nuovi sbocchi

Dan Cates però non perde di vista neanche la sua missione nel poker. In questi anni è stato uno dei protagonisti assoluti della scena, soprattutto di quella high stakes. E sembra avere le idee chiare sul poker.

Voglio coinvolgere più persone possibili nel mondo del poker. Soprattutto ho intenzione di portare ai tavoli una nutrita schiera di vip che non hanno mai giocato e che non dispongono di alcuna conoscenza del gioco stesso. Tramite il mio team stiamo mettendo in piedi proprio una scuola di poker per personaggi famosi che vogliono avvicinarsi al poker e necessitano di lezioni per apprendere le strategie di base. Coinvolgere questi personaggi, anche con interviste, podcast e quanto altro, aiuterà il poker anche a raggiungere altre giocatori. Voglio che siano da traino per il grande pubblico“.

Dan Cates

Il poker per come è stato negli ultimi 13 anni è destinato a cambiare. La pandemia ha ridotto notevolmente gli eventi dal vivo, con una riscoperta del gioco in rete. Ma dobbiamo essere pronti per quando sarà possibile tornare a giocare live in totale sicurezza. Questi sono mesi importanti per seminare, in vista della ripresa del gioco. L’obiettivo è quello di dare un secondo boom al poker dal vivo e avvicinare più persone possibili a questo particolare mondo.

Dan Cates: Phil Ivey l’avversario più difficile

La parte finale dell’intervista a Dan Cates è dedicata alle sue avventure al tavolo. Pochi giorni fa abbiamo parlato dell’incredibile pot da 20 milioni di dollari perso a Macao. Così parlando delle sue battaglie al tavolo, “Jungleman12” fa una sorta di classifica degli avversari più forti che abbia mai affrontato. E il primo della lista non può che essere Phil Ivey:

Ivey è davvero una montagna difficilissima da scalare. Non riesci mai a capire cosa possa avere in mano e ha delle letture fuori dal comune. Molto tosti lo sono anche i vari Ike Haxton, Phil Galfond, Matt Ashton e Timofey Kuznetsov alias Trueteller . Ecco, la mia personale top five dei giocatori più forti racchiude questi players“.

Phil Ivey

Phil Ivey

Non può mancare un accenno alle amicizie costruite nel corso degli anni al tavolo. Così Dan Cates svela una seconda top five, dedicata appunto ai legami che si sono creati nel mondo del poker. “Crearsi amicizie nel poker non è facile. Ci sono tantissimi squali. Io però alla fine non posso lamentarmi e credo di aver stretto un rapporto molto bello con i vari  Justin Smith, Rob Flink, Ben Lamb e Rui Cao. Ma la persona più bella, con cui ho legato in questi anni, è senza dubbio Philip Gruissem“.