Gioco legale e responsabile

News

L’avversario è in sit out ed Erik Seidel “ruba” i blinds: pioggia di critiche alle WSOP per l’americano

Per la prima volta in oltre 30 anni di onorata carriera Erik Seidel finisce nell'occhio del ciclone. La "colpa" è quella di aver mangiato i bui al rivale, nel secondo turno dell'evento heads up delle WSOP Online. L'avversario in questione è l'attaccante tedesco Max Kruse che si è presentato in ritardo al duello: le critiche sono arrivate via Twitter da gran parte della comunità di poker, verso l'otto volte campione WSOP.

Scritto da
10/08/2020 12:30

4.687


I fatti

Erik Seidel come tutti i big mondiali del poker sta giocando le WSOP Online. Sabato scorso era impegnato nel secondo turno dell’evento heads up da 10 mila dollari. Il campionato del mondo di testa a testa. Il player americano si trova a sfidare un rivale inedito come Max Kruse.

Il tedesco è un calciatore professionista, di ruolo attaccante che ha appena concluso la sua esperienza in Turchia, per tornare a giocare in Patria nell’Union Berlino, la matricola dell’ex Germania dell’Est che alla prima apparizione in Bundesliga ha centrato la salvezza.

Max Kruse Pics by Instagram

Fin qui niente di clamoroso, se non che l’ex nazionale tedesco (14 presenze e 4 gol) non si è presentato davanti al PC per giocare l’heads up con Erik Seidel. Quest’ultimo dopo alcuni minuti di attesa ha iniziato a rubare blinds, sfruttando il sit out del rivale.

Confronto Bonus Poker

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui bookmaker italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i bookmaker sono mostrati a rotazione casuale.

In pratica ha eroso lo stack al suo avversario, approfittando della sua assenza. Kruse è riuscito poi a collegarsi al tavolo, ma il suo stack era ormai ridotto all’osso e con 5-5 ha perso vs 8-8.  Una pratica non illegale, ma nemmeno troppo sportiva. E per l’otto volte campione alle WSOP sono iniziate una serie di polemiche su Twitter.

Giusto o sbagliato?

In molti si stanno chiedendo se il comportamento di Erik Seidel sia stato giusto o meno. Come al solito la comunità di poker si è spaccata in due, anche se la maggioranza non ha gradito la condotta del player a stelle e strisce. In molti hanno alimentato la polemica, ricordando che solo pochi giorni fa, nel duello finale del “$10.000 Short Deck No-Limit“, Mikita Badziakouski ha avuto problemi di connessione che lo hanno estromesso dal tavolo qualche istante prima del testa a conclusivo.

Il suo rivale Lev Gottlieb ha chiesto e ottenuto di bloccare il clock fino a quando il bielorusso non avesse risolto i suoi problemi con il server, in modo da avere un degno finale e un epilogo corretto. Insomma ad Erik Seidel viene imputata una mancanza di sportività che stride con la sua signorilità dimostrata al tavolo nel corso della sua immensa carriera.

CONFRONTO BONUS CASINO'

Questo comparatore confronta i bonus di benvenuto attualmente verificabili sui casinò online italiani. Questa tabella ha una funzione informativa e i concessionari sono mostrati a rotazione casuale.

Se la maggioranza ha condannato il gesto dell’americano, un buon numero di utenti ha preso le difese di Erik. La colpa a loro avviso è tutta da imputare al giocatore tedesco, il quale per non meglio precisati motivi non si è presentato al tavolo online all’orario stabilito. Di conseguenza, sempre secondo loro, Erik Seidel ha agito nel proprio interesse, senza commettere nessun gesto anti-sportivo.

La risposta di Erik Seidel

A distanza di poche ore dal “caso” nato in rete, Erik Seidel risponde alle critiche.

Mi spiace ho commesso un errore. Non sapevo chi fosse il mio avversario, ma non fa alcuna differenza. Avrei dovuto chiedere la sospensione momentanea del match, in attesa che Max potesse collegarsi per giocare. Nella mia mente però era già prevista la restituzione di una % in caso di approdo a premio del sottoscritto.Ho subito un caso analogo dal vivo e ci ho sofferto molto, mentre in un altro evento live il mio avversario chiese di attendermi, visto che ero in ritardo”. 

Erik Seidel principiante

Erik Seidel

Una risposta da signore e che dovrebbe mettere fine alla questione. A supporto delle scuse di Erik arrivano anche le parole di Olivier Busquet, in risposta ad un tweet poco carino nei confronti dell’americano, da parte di un utente twitter.

Ma davvero stai mettendo in dubbio la buona fede di un campione come Erik Seidel? Davvero non credi alle sue scuse? Perchè invece di criticare, non chiedi se hanno trovato successivamente un accordo economico i due giocatori? E’ incredibile la facilità con cui le persone come te giudicano senza sapere niente“.

Un caso che sembra essere giunto al capolinea, soprattutto dopo l’eliminazione di Erik Seidel nel turno successivo. Un Ko che mette fine alla polemica. Almeno si spera.

Tu cosa ne pensi? Lascia il tuo commento